rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Cronaca

Degrado e aggressioni in centro: torna il divieto per alcolici e bottiglie di vetro, multe fino a 500 euro

E' quanto prevede un'ordinanza comunale che entra in vigore martedì 15 novembre e che, salvo proroghe, sarà attiva fino al 30 aprile 2023. Già nell'estate 2021 era stata emessa un'ordinanza sullo stesso tema che riguardava le stesse zone

Dopo gli ultimi episodi violenti - tra i quali il furioso accoltellamento ai danni di un 40enne - in piazza Baracca, in seguito alla rimozione criticata da più parti di alcune panchine per tentare di ridurre il degrado, torna il divieto per bevande alcoliche e in bottiglie di vetro. E' quanto prevede un'ordinanza comunale che entra in vigore martedì 15 novembre e che, salvo proroghe, sarà attiva fino al 30 aprile 2023. Già nell'estate 2021 era stata emessa un'ordinanza sullo stesso tema che riguardava le stesse zone: piazza Baracca, Porta Adriana, via Maggiore nel tratto tra la circonvallazione via Fiume Montone Abbandonato e via San Gaetanino e via Cavour nel tratto tra Porta Adriana e le vie Gianbattista Barbiani e Manfredo Fanti.

Il provvedimento firmato dal sindaco, si legge nel testo dell'ordinanza, è stato adottato "per prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano l'incolumità pubblica e la sicurezza urbana". Nell'area in questione, infatti, si trovano numerose abitazioni, negozi e locali, oltre a uno dei principali parcheggi del centro storico (quello di piazza Baracca). Un'area, quindi, che funge da punto di ritrovo per ravennati e turisti, che passeggiano per negozi lungo via Cavour.

Nelle zone in questione, spiega ancora l'ordinanza, si registra però anche la presenza di gruppi di persone "dedite al consumo smodato di bevande alcoliche e superalcoliche" e che sovente, "oltre ad assumere comportamenti irriguardosi nei confronti degli altri frequentatori dell'area consistenti in urla e schiamazzi, non hanno inibizioni a consumare condotte potenzialmente lesive dell'altrui incolumità che creano uno stato di disagio diffuso e generalizzato con una estesa percezione di insicurezza, oltre alle evidenti lesioni al decoro, igiene ambientale e quiete pubblica".

Persone "che in stato di ubriachezza attuano condotte disdicevoli quali l'insudiciamento della pubblica via, il turpiloquio, il disturbo del riposo e delle occupazioni dei residenti creando turbative e preoccupazioni per i passanti e per gli altri frequentatori dell'area". Condotte che generano negli abitanti e nei commercianti "un senso di frustrazione" e "un insorgente senso di sfiducia nelle istituzioni scaturente dallo stato di degrado e dall'abbassamento del livello qualitativo delle condizioni di vita dovuto al sistematico disattendere delle più basilari norme che regolamentano la civile convivenza".

Per il prossimo periodo dunque, che comprende feste quali Natale, Capodanno, Carnevale e Pasqua - e quindi una frequentazione alta del centro storico - sarà vietato il consumo di bevande alcoliche e superalcoliche in qualsiasi contenitore al di fuori delle vicinanze dei locali pubblici, così come sarà vietato il consumo di bevande e alimenti in genere forniti in bottiglie di vetro e lattine e l'abbandono di bottiglie di vetro, lattine e contenitori in genere nell'ambito dell'area in questione. Per i trasgressori previste multe da 200 fino a 500 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Degrado e aggressioni in centro: torna il divieto per alcolici e bottiglie di vetro, multe fino a 500 euro

RavennaToday è in caricamento