menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stabilimenti balneari, firmata l'ordinanza su spettacoli e intrattenimenti danzanti in spiaggia

In questa fase le attività potranno essere autorizzate solamente in funzione di quanto stabilito dalle disposizioni regionali in tema di gestione dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione della sindrome da Covid-19

E’ stata firmata giovedì dal sindaco Michele de Pascale l’ordinanza che disciplina lo svolgimento, negli stabilimenti balneari durante la stagione balneare estiva, di pubblici spettacoli, intrattenimenti danzanti, pubbliche manifestazioni sportive, piccole attività di intrattenimento e spettacolo. I pubblici spettacoli, gli intrattenimenti danzanti e le pubbliche manifestazioni sportive potranno essere effettuati dalle 18 all’una del giorno successivo; le piccole attività di intrattenimento e spettacolo dovranno terminare entro mezzanotte - tutto ciò, va specificato, in linea generale, mentre in questa fase le attività potranno essere autorizzate solamente in funzione di quanto stabilito dalle disposizioni regionali in tema di gestione dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione della sindrome da Covid-19.

In base all’ordinanza balneare regionale straordinaria, infatti, non devono essere organizzate iniziative che determinino assembramenti e non consentano di garantire il distanziamento interpersonale di almeno un metro. Sono inoltre vietati gli intrattenimenti danzanti e gli eventi musicali di qualsiasi genere, con la sola eccezione di quelli esclusivamente di “ascolto” con postazioni sedute che garantiscano il distanziamento interpersonale. Quindi, almeno per il momento, niente balli in spiaggia.

“Al termine di un percorso condiviso con le associazioni di categoria e le cooperative degli stabilimenti balneari, che era programmato già da tempo e che abbiamo dovuto rinviare a causa dell’emergenza Covid – dichiara il sindaco - abbiamo aggiornato i contenuti dell’ordinanza triennale approvata alla fine del 2016 con l’obiettivo di dare agli operatori regole certe alle quali fare riferimento a lungo termine. Ora abbiamo reso omogeneo per tutti i giorni della settimana l’orario dell’una come orario di termine degli eventi. Questo aggiornamento sarà in vigore fino al 2021, anno di fine mandato. Abbiamo così inteso valorizzare quegli operatori e quegli stabilimenti sui quali avevamo già fatto un investimento di fiducia e responsabilizzazione e che hanno risposto positivamente, investendo sull'organizzazione dotandosi di fonometri e rispettando tutte le prescrizioni per poter organizzare eventi di pubblico spettacolo. Questi interventi hanno aumentato l'attrattività dei nostri lidi e il livello di sicurezza verso i nostri ospiti”.

Sono state inoltre individuate, con una seconda ordinanza, le serate nelle quali gli stabilimenti balneari potranno rimanere aperti fino alle 3, con spettacoli, piccoli trattenimenti e manifestazioni autorizzate: 22 luglio (Sant’Apollinare), 8 agosto (Notte Rosa), 10 agosto (notte di San Lorenzo), 14 agosto (vigilia di Ferragosto) e 12 settembre.

L'appello

“Nel fine settimana ormai imminente raccomando a turisti, ospiti e residenti la massima cautela nella frequentazione delle spiagge e dei luoghi di ricreazione e svago poiché il virus non è ancora scomparso e non è possibile allentare le azioni di contrasto, che restano soprattutto l’uso delle mascherine e il distanziamento fisico con il divieto assoluto di affollamenti e assembramenti - – afferma il vicesindaco Eugenio Fusignani - Sono consapevole che l’estate ormai esplosa e la ripresa delle attività balneari possono portare a “rimuovere” l’esistenza del virus, ma è bene ricordare che è ancora tra noi e non è affatto sconfitto. In seguito all’incontro opportunamente convocato dal Prefetto sono state decise ulteriori azioni informative tese ad accrescere il livello di sensibilità verso la necessità di attenzione e di scrupolosa osservanza delle norme anti-covid ed è in fase di redazione un decalogo con i comportamenti da osservare, che, con la collaborazione delle associazioni di categoria e delle imprese, sarà diffuso nelle zone maggiormente frequentate e a cui si dovrà fare costante riferimento. Sarebbe un disastro, dopo tanti sacrifici da parte di noi tutti e del personale sanitario in primis, ritrovarsi alle prese con lo sviluppo di nuovi focolai. L’Italia ha ricevuto i complimenti del direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità per la gestione dell’emergenza sanitaria e Ravenna ha contribuito con grande senso di responsabilità. Sto apprezzando la diligenza e la collaborazione che la stragrande maggioranza dei titolari delle imprese commerciali e balneari ha messo in campo affrontando ulteriori sacrifici economici; sono certo che essi stessi saranno i primi  a vigilare sulla correttezza dei comportamenti auspicati e disposti per legge. Il mio augurio è che questa difficile estate 2020 possa essere superata con piena soddisfazione, coniugando le importanti esigenze dell’economia e del mercato con quelle fondamentali della salute e del benessere e diventare il ricordo di una sfida superata. Buon lavoro e buone vacanze”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Torna l'iniziativa "Parliamo della mia salute": gli incontri

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento