rotate-mobile
Cronaca Cervia

Ombrelloni distanziati, lotta ai venditori ambulanti e animali in spiaggia: l'ordinanza balneare di Cervia

L’ordinanza balneare firmata dal sindaco del Comune di Cervia Massimo Medri dà avvio alla stagione turistica 2022

L’ordinanza balneare firmata dal sindaco del Comune di Cervia Massimo Medri dà avvio alla stagione turistica 2022. Durante la stagione balneare estiva, ad eccezione del periodo dall'1 al 15 aprile in cui l'apertura è facoltativa, tutti gli stabilimenti balneari debbono restare aperti, almeno nei mesi di giugno, luglio e agosto con orario minimo fissato dalle ore 07.30 alle ore 19.00. Gli stabilimenti balneari possono restare aperti tutti i giorni dalle ore 06.00 alle ore 24.00, fatte salve eventuali diverse disposizioni nazionali sovraordinate.

Durante la stagione balneare estiva le attività di locazione imbarcazioni e natanti, depositi, scuole vela e attività similari, nei limiti e secondo i periodi di durata di cui alle singole licenze, debbono restare aperte tutti i giorni con orario minimo fissato dalle ore 09.30 alle ore 19.00. Tali esercizi possono restare aperti tutti i giorni dalle ore 06.00 alle ore 21.00 con possibilità di svolgere attività in mare in presenza dell’attivazione del servizio di soccorso e salvamento, di norma previsto dalle ore 09.30 alle ore 19.00.

Stabilimenti balneari

Gli stabilimenti balneari, in occasione dei festeggiamenti previsti per la notte fra venerdì e sabato della Pink Week, di San Lorenzo e di Ferragosto, possono prorogare la chiusura alle ore 03.00 del giorno successivo e alle ore 3.30, fatte salve eventuali diverse disposizioni sovraordinate, con spegnimento graduale degli impianti di diffusione a partire dalle ore 03.00, se si tratta di stabilimenti dotati di fonometro. Gli stabilimenti balneari, in occasione delle particolari giornate del 24 e 31 dicembre, possono prorogare la chiusura alle ore 03.00 del giorno successivo e alle ore 3.30 fatte salve eventuali diverse disposizioni sovraordinate, con spegnimento graduale degli impianti di diffusione a partire dalle ore 03.00, se si tratta di stabilimenti dotati di fonometro.

Deve essere perseguito il maggior distanziamento possibile tra gli ombrelloni posizionati sulla spiaggia e, comunque, nel rispetto del limite minimo di distanza tra ombrelloni della stessa fila e tra file che garantisca una superficie minima ad ombrelloni di 12 metri quadri a paletto. E' consentito derogare a tali distanze minime, in zone soggette a particolari fenomeni erosivi e/o in considerazione della particolare conformazione morfologica della zona interessata, garantendo comunque un'area di distanziamento non inferiore a 10,50 metri quadri tra i sistemi di ombreggio.

E’ vietato l’accesso in spiaggia dalle ore 1.00 alle ore 5.00 del mattino, eccetto nelle serate di apertura degli stabilimenti balneari oltre le ore 24. Nel periodo compreso tra l'ultimo fine settimana (sabato e domenica) di maggio e il primo fine settimana (sabato e domenica) di settembre, il servizio di soccorso e salvataggio deve essere attivato obbligatoriamente dalle ore 09.30 alle ore 19.00. Nel periodo compreso tra lunedì 5 settembre e domenica 11 settembre il servizio di soccorso e salvataggio deve essere attivato obbligatoriamente dalle ore 09.30 alle ore 18.30.

Abusivismo commerciale

Sulle aree demaniali marittime comprese nel territorio del Comune di Cervia, è vietato l'esercizio del commercio in forma fissa e itinerante di prodotti o servizi presso soggetti non autorizzati ed è fatto divieto di svolgere e/o usufruire di attività di massaggio terapeutico ed estetico, tatuaggi, piercing, trattamenti estetici di qualsivoglia tipo e ogni altra pratica professionale similare per tecniche e/o strumentazione.

Vendita di alcolici

Negli stabilimenti balneari che effettuano somministrazione di alimenti e bevande, le bevande vendute o somministrate in contenitori di vetro devono essere consumate all’interno dei locali o comunque nelle aree dedicate alla somministrazione di alimenti e bevande; ad eccezione delle bevande confezionate, i contenitori per alimenti e bevande destinati al consumo immediato, sul posto o da asporto, nonché i piatti, i bicchieri, le posate, le cannucce, i mescolatori per bevande, in materiale plastico monouso, devono essere in materiale compostabile o biodegradabile; in ogni caso l'attività di somministrazione e la vendita devono essere effettuate nel rispetto delle specifiche Ordinanze in materia e in particolare dell'Ordinanza per la regolamentazione della vendita e del consumo di bevande alcoliche e superalcoliche nel territorio comunale.

Animali in spiaggia

I fruitori della spiaggi libera devono rispettare nel posizionamento delle proprie attrezzature (ombrelloni, lettini, sdraio etc.) le medesime misure previste per il distanziamento di ombrelloni e lettini per gli stabilimenti balneari. Dalle ore 06.00 alle ore 08.00 e dalle ore 21.00 alle ore 24.00 è consentito, tramite le apposite passerelle e pedane di raccordo, l'accesso dei cani esclusivamente sulla battigia e nello specchio acqueo alle seguenti condizioni: il cane deve essere iscritto all’anagrafe canina; il cane deve essere sottoposto a tutte le vaccinazioni previste; il cane deve essere condotto con guinzaglio di lunghezza non superiore a 1,50 metri e non estendibile e dotato di opportuna museruola; è vietato l’accesso dei cani di sesso femminile in evidente fase estrale; il proprietario o il detentore, durante l’accesso, deve impedire che il comportamento del proprio cane arrechi disturbo alla quiete pubblica; il proprietario o il detentore, durante l’accesso, è sempre responsabile del benessere, del controllo e della conduzione dell’animale e risponde, sia civilmente che penalmente, dei danni o lesioni a persone, animali e cose eventualmente provocati dallo stesso; il proprietario o il detentore, deve garantire l’immediata rimozione di qualunque deiezione dei cani stessi mediante apposita paletta/raccoglitore; è comunque vietato l’accesso ai cani che per temperamento o carattere si dimostrassero pericolosi o arrecassero disturbo alla quiete pubblica.

I concessionari hanno facoltà, nell’ambito del proprio impianto, nei limiti di cui alla disciplina prevista dall’Ordinanza regionale e secondo le modalità previste dall’apposito Regolamento comunale, di individuare aree debitamente attrezzate, delimitate e riservate, per l’accoglienza di animali domestici, salvaguardando comunque l’incolumità e la tranquillità dell’utenza balneare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ombrelloni distanziati, lotta ai venditori ambulanti e animali in spiaggia: l'ordinanza balneare di Cervia

RavennaToday è in caricamento