rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Cronaca

L'"esorcismo" di 'Padre David' al liceo contro le carriere alias: gli studenti si baciano e lo criticano

Davide Fabbri, personaggio locale conosciuto come 'Il Vikingo' e questa volta nella veste del sedicente esorcista 'Padre David', si è presentato davanti al liceo artistico 'Nervi-Severini' di Ravenna per protestare contro la scelta del dirigente Gianluca Dradi di riconoscere le 'carriere alias' degli studenti

Lo aveva annunciato e lo ha fatto: Davide Fabbri, personaggio locale conosciuto come 'Il Vikingo' e questa volta nella veste del sedicente esorcista 'Padre David', venerdì mattina si è presentato davanti al liceo artistico 'Nervi-Severini' di Ravenna per protestare contro la scelta del dirigente Gianluca Dradi di riconoscere le 'carriere alias' degli studenti. Fabbri, vestito da sacerdote, ha letto alcuni versi biblici e ha "benedetto" i ragazzi presenti, che lo hanno criticato col sorriso al tono di 'Scemo scemo', con persone dello stesso sesso che si sono scambiate baci e segni d'affetto proprio davanti a lui per provocarlo.

Massimo Manzoli, di Ravenna in Comune, sui social si è schierato contro l'insolita iniziativa, chiedendo spiegazioni al sindaco e alla giunta: "Manifestazione non autorizzata su strada pubblica. Tra l'altro una manifestazione ampiamente annunciata e pubblicizzata addirittura con un comunicato stampa, quindi non può essere un flash-mob (come la Digos più volte mi ha spiegato). Chi ha autorizzato questa manifestazione in mezzo a una strada pubblica?  La Polizia Locale di Ravenna? Se questo è autorizzabile significa che, da ora in avanti, non ho più bisogno di chiedere autorizzazioni per fare manifestazioni su strada pubblica e posso pure pubblicizzarle prima. Corretto?".

Anche la Lega è intervenuta di nuovo sul caso con le dichiarazioni del vicecapogruppo alla Camera Alessandro Pagano: "La scelta del liceo artistico Nervi Severini di Ravenna di proporre il riconoscimento delle cosiddette ’carriere alias’ è solo l’ennesimo Cavallo di Troia per introdurre l’ideologia gender nelle scuole. Una trovata propagandistica che lascia il tempo che trova. Fatta salva l’autonomia scolastica, è chiaro a tutti che l’eventuale modifica al regolamento della scuola in questa direzione, da parte del Consiglio d’istituto, non riveste comunque alcun valore giuridico sull'identità sessuale di alunne e alunni: a stabilire l’avvenuto cambio di sesso è il giudice, non di certo un preside. Piuttosto, l’unico effetto di queste ‘carriere alias’ è aumentare il livello di confusione negli studenti già provati da due anni pazzeschi di pandemia. In ogni caso, continueremo a vigilare affinché nel liceo artistico Nervi Severini di Ravenna venga tutelato il diritto dei genitori di esprimere, tramite i rappresentanti d'istituto, il loro parere rispetto al provvedimento, che sembrerebbe essere in programma nel prossimo settembre. E, in caso di violazione, di informare immediatamente il ministero dell'Istruzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'"esorcismo" di 'Padre David' al liceo contro le carriere alias: gli studenti si baciano e lo criticano

RavennaToday è in caricamento