rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Cronaca

Palazzetto dello sport, il Comune vince il ricorso: ora l'azienda dovrà pagare le spese processuali

Il ricorso della società è stato respinto per quattro volte, due dal Tar e altrettante dal Consiglio di Stato. L’ultima e definitiva conferma la legittimità dell’azione dell’Amministrazione comunale

Il Consiglio di Stato ha pronunciato il 6 ottobre la sentenza che mette la parola fine al contenzioso tra il Comune di Ravenna e la ditta Passarelli, ricorrente contro l’Amministrazione comunale nell’ambito della procedura di appalto dei lavori per la realizzazione del nuovo Palazzo delle arti e dello sport. Una sentenza che conferma in via definitiva la correttezza dell’operato del Comune di Ravenna e condanna la società ricorrente al pagamento delle spese di lite.

La vicenda trae origine dall’adozione, nel 2020, di un’interdittiva antimafia, da parte del Prefetto di Napoli, con conferma del Tar della Campania, nei confronti della ditta ricorrente, precedentemente designata quale consorziata esecutrice dei lavori del palasport dal consorzio Research, capogruppo del raggruppamento temporaneo aggiudicatario dell’appalto.

L’interdittiva antimafia, come noto, è un provvedimento amministrativo che ha l’effetto di limitare fortemente la capacità giuridica della società destinataria relativamente ai rapporti con la pubblica amministrazione e in particolare ai rapporti contrattuali. A seguito di tale interdittiva, il consorzio Research aveva escluso la Passarelli dalla compagine consortile e aveva fatto subentrare un’altra impresa consorziata nell’esecuzione dei lavori del palasport.

Il contenzioso si era aperto in seguito all’accoglimento della domanda della Passarelli, da parte della Corte di appello di Napoli, di accedere al controllo giudiziario e di essere riammessa nella compagine del consorzio Research, che a quel punto aveva designato la Passarelli a riprendere a lavorare al palasport in affiancamento alla ditta subentrata. Il Comune aveva espresso il proprio dissenso motivandolo col fatto che la reintroduzione della impresa Passarelli, oltretutto in “affiancamento”, non rientrasse nelle previsioni del codice degli appalti.

Da qui il ricorso della Passarelli contro il Comune. Ricorso che è stato respinto per ben quattro volte, comprendendo le richieste di sospensiva, due dal Tar e altrettante dal Consiglio di Stato, l’ultima e definitiva appunto il 6 ottobre, confermando la legittimità della posizione e dell’azione dell’Amministrazione comunale, che era stata oggetto di varie prese di posizione politica anche in sede consiliare circa la correttezza del comportamento seguito.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzetto dello sport, il Comune vince il ricorso: ora l'azienda dovrà pagare le spese processuali

RavennaToday è in caricamento