rotate-mobile
Sabato, 20 Agosto 2022
Cronaca Faenza

Palio di Faenza, il Niballo torna al Rione Rosso con Medori: "Per vincere ci vuole il cuore"

Un rosso acceso colora questa 62esima edizione del Palio del Niballo di Faenza, rosso come il cuore di Valentino Medori che con grinta e passione si riprende lo scettro perso per un anno

Un rosso acceso colora questa 62esima edizione del Palio del Niballo di Faenza, rosso come il cuore di Valentino Medori che con grinta e passione si riprende lo scettro perso per un anno e cancella la maledizione che lo aveva colpito nel 2017, quando fallì diversi bersagli. Per il fantino di Porta Imolese si tratta del secondo successo nella straordinaria giostra faentina. Un Palio del Niballo che ha viaggiato su tempi altissimi: come da pronostico è stata spettacolare la sfida in particolare con Daniele Ravagli (Rione Giallo) che ha lottato per difendere il titolo 2017, conquistando comunque il premio riservato al cavaliere che ha ottenuto il tempo più veloce (12’320). Il Rione Rosso vince con  7 scudi complessivi e porta a 32 i suoi successi nella giostra faentina. A seguire la classifica vede il Giallo con 5 scudi, Nero 4 scudi, Borgo 3 scudi, Rione Verde 0 scudi, ritiratosi dopo una sola tornata per un leggero infortunio al cavallo.

A sfidarsi sul campo del gremitissimo stadio Bruno Neri, domenica 24 giugno, sono stati il vincitore della scorsa edizione, Daniele Ravagli (Rione Giallo), che ha scelto come compagno di gara Ischia Porto, con il quale sostituisce il vincitore della scorsa edizione Nanbo King. L’altro favorito alla vittoria, Valentino Medori (Rione Rosso) porta il fedele Usurpatore con cui già conquistò il Palio nel 2016; Matteo Tabanelli  (Rione Nero) si presenta in campo con Tout Reserve e punta a trionfare nel Niballo, dopo aver vinto una Bigorda. Massimo Gubbini (Rione Verde), che sarà costretto a ritirarsi dopo solo una tornata, è partito con Flower Pass; mentre Cristian Cordari (Borgo Dubecco) ha come destriero Quirino di Chia.

La prima serie di tornate

Seguendo la classifica dello scorso anno, è Cristian Cordari del Borgo a ‘rompere il ghiaccio’ e a cominciare a sfidare tutti gli altri rioni. Comincia bene Valentino Medori, che alla prima tornata ha la meglio su Cordari. Il fantino del Borgo non vuole però recitare la parte della’ vittima sacrificale’ in questa giostra, e conquista subito dopo due scudi sul Nero e sul Verde. L’ultimo scudo della prima serie di tornate va al detentore del titolo Daniele Ravagli che ottiene un tempone (12’440) nonostante all’inizio Ischia Porto faccia un po’ le bizze per entrare negli stalli di partenza. Al termine della prima serie di tornate la classifica recita Borgo 2 scudi, Rosso e Giallo 1 scudo, Nero e Verde a 0.

La seconda serie di tornate

La seconda serie di tornate rappresenta già un momento chiave di questo Niballo 2018: uno dei favoriti al titolo, Valentino Medori, cercherà di fare en-plein con quattro scudi su quattro sulla pista di sinistra, dove da sempre si trova a suo agio. Nella prima sfida batte Tabanelli con una super prestazione (record storico sulla pista di sinistra: 12’443). Arriva poi la notizia del ritiro del binomio del Rione Verde Massimo Gubbini e Flower Pass, a causa di un leggero infortunio di quest’ultimo che ha iniziato a zoppicare dopo la sua prima tornata: per precauzione commissione sanitaria e scuderia del Verde hanno optato per il ritiro. Tornata facile dunque per Medori che conquista lo scudo, prima della tornata più attesa: quella contro Daniele Ravagli. Lo scudo va al cavaliere di Porta Ponte: 12’320 di tempo (il migliore di quest’anno), in un Niballo che viaggia davvero a grande velocità. Medori si rifà col Borgo; impresa quasi riuscita per lui, con un bilancio di tre scudi su quattro conquistati. La nuova classifica recita: Rosso 4 scudi, Borgo e Giallo 2 scudi, Nero e Verde appaiati a 0.

La terza serie di tornate

Nella terze serie di sfide, tocca a Matteo Tabanelli riscattarsi. Conquistato facilmente lo scudo del Verde, non riesce a vincere la sfida col Giallo, mentre si rifà battendo Cordari del Borgo per soli 9 millesimi di secondo. L’ultimo scudo va a Valentino Medori, che mette a bersaglio un altro ottimo tempo: è sempre più chiaro che il Niballo 2018 sarà questione tra Giallo e Rosso. Al termine della terza serie di tornate la classifica recita: Rosso 5 scudi, Giallo 3 scudi, Nero e Borgo 2 scudi, Rione Verde 0 scudi.

La quarta serie di tornate

Quarta serie di tornate interlocutoria: assente Gubbini, bisogna comunque mantenere il sangue freddo per conquistare lo scudo. Non sbagliano in successione Ravagli, Cordari, Tabanelli e Medori. Si tratta della quiete prima della tempesta: Rosso 6 scudi, Giallo 4 scudi, Nero e Borgo 3 scudi, Rione Verde 0 scudi. Ora si parte con l’ultima serie di tornate.

La quinta serie di tornate

Il rione Giallo sa che non può sbagliare sulla pista di sinistra, e di un niente conquista lo scudo sull’indomito Cordari. Arriva poi quella che è la grande sfida di questo Palio del Niballo 2018: Ravagli contro Medori, Ischia Porto contro Usurpatore. Al loro ingresso lo stadio si scalda con l’urlo dei tifosi. Vince Medori, con un’altra ottima prestazione, e gli spettri degli spareggi sembrano un’ipotesi più che probabile. Ma è Matteo Tabanelli a essere l’ago della bilancia di questo Palio del Niballo: batte Ravagli e consegna un – comunque meritatissimo – Palio del Niballo a Valentino Medori, vincitore di 7 scudi complessivi. L’ultima tornata, ininfluente, non viene disputata. A seguire dunque la classifica recita: Giallo 5 scudi, Nero 4 scudi, Borgo 3 scudi, Rione Verde 0 scudi. E ora si festeggerà a lungo nella sede di via Campidori, il Palio numero 32 avrà sicuramente un posto speciale nella sede del Rione Rosso.

Chi è Valentino Medori

Il rione di porta Imolese si è affidato al 34enne Valentino Medori, nella vita controllore di traffico aereo all’aeroporto di Bologna. E’ l’11esimo cavaliere della storia del Rione con sede in via Campidori. Si è presentato per la terza volta nella corsa più importante dopo che ha corso cinque Bigorde d’oro. Cavalca dall’età di 17 anni. Ha dimostrato di avere classe per le corse storiche d’Italia, e nel 2011 è entrato nell’albo d’oro dei cavalieri faentini con la vittoria ottenuta alla Giostra di Monselice, poi ha vinto nel 2014 e 15 con l’en plein di scudi 8 su 8, 2 Bigorde D’oro e nel 2016 il Palio del Niballo. Ha gareggiato, come nel 2016, in sella all’esperto e velocissimo Usurpatore. Ora il successo anche al Niballo 2018. "A Faenza ci vuole soprattutto il cuore per il proprio Rione per vincere – ha affermato dopo la vittoria Valentino Medori – Io sono prima di tutto un rionale, cresciuto nel Rione Rosso, e rimarrò sempre legato a questo rione". "E’ un’emozione unica, arrivata al mio primo mandato – afferma Gianluca Maiardi, capo Rione Rosso – Valentino è stato formidabile e il nostro cavallo super. Ce l’abbiamo messa tutta e ci portiamo ora a casa questo Palio".

niballo2018-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palio di Faenza, il Niballo torna al Rione Rosso con Medori: "Per vincere ci vuole il cuore"

RavennaToday è in caricamento