Autorità Portuale, il Commissario rassicura: "Entro fine mese il bando per l'hub portuale"

Il commissario si trova di fronte a un compito - anzi, più compiti, non facili: dal proseguimento del progetto di hub portuale, alla questione della Berkan B fino alla manutenzione ordinaria dei fondali

Si è presentato ufficialmente alla città venerdì pomeriggio Paolo Ferrecchi, nominato Commissario dell'Autorità di sistema portuale ravennate dopo la sospensione dei suoi vertici. Il commissario si trova di fronte a un compito - anzi, più compiti, non facili, così come ha spiegato lo stesso sindaco Michele de Pascale: "La nomina di Ferrecchi come commissario è la migliore possibile, perchè garantisce altissimi profili di professionalità. Ferrecchi è stato infatti, dalla Regione, uno dei protagonisti della definizione di progetto di hub portuale, è quindi la scelta che da maggior garanzia sulla continuità di una progettualità sulla quale la nostra città ha speso tante ore di lavoro. Non si poteva metterla in freezer attendendo i risultati delle indagini. Ora gli daremo il tempo necessario per poter lavorare e prendere in carico varie tematiche, dall'hub alla manutenzione dei fondali fino alla Berkan B. Manutenzione e hub, in ogni caso, devono andare avanti di pari passo". De pascale ha commentato brevemente la sospensione del presidente Rossi e degli altri vertici dell'Autorità: "Non possiamo minimizzare il problema, siamo preoccupati perchè ciò che è avvenuto crea forti difficoltà, ma questo porto e il suo ruolo strategico per il nostro Paese sono più forti di queste difficoltà. A prescindere da come evolverà la vicenda giudiziaria, dobbiamo dimostrare di saper portare a casa un risultato".

Il microfono è passato poi all'ospite d'onore, il commissario Ferrecchi: "Dovrò concentrarmi sugli aspetti più urgenti, per via della natura del mio incarico. Sto valutando la possibilità di nominare un segretario generale di modo da avere un aiuto. Per quanto riguarda l'hub, stiamo lavorando per mettere in sicurezza tutti gli aspetti autorizzativi, nei prossimi giorni si terrà la conferenza di servizi e entro fine ottobre ci concentreremo per chiudere il bando, poi saranno necessari i tempi tecnici dopo la pubblicazione per arrivare all'aggiudicazione del bando che inevitabilmente sarà nel 2020. Per la manutenzione ho chiesto ai miei uffici di fare un punto rapido per capire come agire in una logica programmata, perchè dobbiamo cercare di ragionare in una logica di accompagnamento dell'hub, e non emergenziale. Devo fare in modo che vada avanti tutto finchè sarò commissario, non so quanto dovrò restare a Ravenna".

Numerosi sono stati poi gli interventi, i consigli e gli auguri rivolti al commissario. "Come prima azione serve un programma per mantenere il pescaggio e migliorarlo", commenta Danilo Belletti, presidente degli spedizionieri e di Confetra regionale. "Noi vorremmo fare un investimento per il ritorno delle 'grandi navi' nel 2020, ma va sostituita la struttura", aggiunge Claudia Ambrosi del Ravenna Terminal Passeggeri. "Quello dato a Ferrecchi è un incarico straordinario, un impegno non da poco, spero resti il tempo utile - spiega Giannantonio Mingozzi, presidente di Terminal Container Ravenna - Il punto è che qui tutti i problemi sono prioritari, per noi lo è soprattutto la messa in regola dei fondali. Non ho ancora capito se si possa distinguere da quelli che sono i tempi dell'hub intervenendo prima sui fondali, perchè se così non fosse sarebbe un problema, dovremmo aspettare anni e perderemmo clienti, contatti e lavori. Mi auguro che Ferrecchi sia in grado di dimostrare per il porto ciò che ha sempre dimostrato in Regione".

"I due aspetti di prospettiva e contingente vanno tenuti insieme - commenta Mauro Comi, segretario di Filt Cgil - La nomina del segretario è assolutamente urgente, meglio se fosse interno all'Autorità di sistema portuale per garantire continuità sulle questioni già programmate e calendarizzate". Congratulazioni sulle tempistiche della nomina di Ferrecchi ha espresso Roberto Rubboli, presidente Ancip, sottolineando come "di solito in situazioni analoghe servono almeno 4 o 5 mesi solo per individuare il commissario". "La priorità delle priorità è la manutenzione - tuona laconico Tomaso Tarozzi, vicepresidente di Confindustria Romagna - e ripristinare il pescaggio standard, da cui dipende la vita o la morte del porto. Speriamo che lei riesca a fare tutto, è un impegno oneroso, il rischio è quello di veder scivolare delle opportunità per il futuro molto rilevanti". "La questione dei pescaggi è di vitale importanza - conclude Alessandra Riparbelli, presidente dei doganalisti ravennati - senza ciò molte aziende morirebbero insieme al pescaggio stesso. E' un problema da affrontare immediatamente perchè siamo già in ritardo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Dramma sulla Ravegnana: schianto fatale, muore una giovane madre

  • Vita spezzata sulla Ravegnana, Elisa era in procinto di sposarsi: "Un angelo volato troppo presto"

  • Sangue sulle strade, tremendo incidente sulla Ravegnana: muore una persona

  • Apre in centro un bar per giovani gestito da giovani: "E se prendi 30 e lode la colazione te la offriamo noi"

  • Precipita in un canalone con la mountan bike: attimi di terrore per un ravennate

Torna su
RavennaToday è in caricamento