rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Parcometri al posto dei disabili: quasi 2000 firme contro lo "sfratto" dei parcheggiatori

L’appello pubblico, rivolto al Comune di Ravenna, arriva dopo la decisione di implementare parcometri automatici per gestire il parcheggio San Vitale

Oltre 1.900 firme in 48 ore per la petizione lanciata a sostegno dei ragazzi della Cooperativa Azimut che a Ravenna gestiscono la biglietteria del parcheggio in largo Giustiniano. L’appello pubblico, rivolto al Comune di Ravenna, arriva dopo la decisione di implementare parcometri automatici per gestire il parcheggio San Vitale.

I promotori della petizione, che si firmano "lavoratori del centro storico di Ravenna", sottolineano: “Il parcheggio fa parte della storia della cooperazione sociale a Ravenna dalla fine degli anni '80: tuteliamo la dignità delle persone disabili che ci lavorano, continuando a dare loro la possibilità di essere utili, non un sussidio demotivante!  Non costringiamoli ad un cambiamento che potrebbe creare un forte disagio in persone già così fragili".

Ma la partecipazione della cittadinanza ravennate non si ferma alla sola firma: la solidarietà verso i ragazzi si esprime infatti anche nei tanti commenti che appaiono in calce alla petizione. Come quello di Anna: “I ragazzi della cooperativa ormai sono un'istituzione, é bello avere un volto familiare e gentile che ti saluta quando vai al parcheggio”. O quello di Stefano, che dice “efficienza senza solidarietà non crea il futuro, lasciate che Ravenna dimostri di essere una città dal grande cuore come ha saputo essere finora". E ancora Bruno: “Non togliamo un impegno così importante nelle loro vite, ma pensiamo anche a come proteggere la loro salute al meglio. La scorciatoia di lasciarli a casa è intollerabile in un momento in cui dovremmo mostrare la massima solidarietà”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parcometri al posto dei disabili: quasi 2000 firme contro lo "sfratto" dei parcheggiatori

RavennaToday è in caricamento