menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parte il nuovo ciclo di incontri letterari del Centro relazioni culturali

Martedì alle 18 prende avvio il nuovo ciclo di incontri letterari del Centro relazioni culturali del Comune di Ravenna

Martedì 2 ottobre alle 18 prende avvio il nuovo ciclo di incontri letterari del Centro relazioni culturali del Comune di Ravenna che quest'anno si svolgeranno alla sala Muratori della biblioteca Classense, via Baccarini 5, e alla sala multimediale dei Chiostri Francescani (ultimo venerdì del mese) a causa dei lavori di ristrutturazione della sede storica di via Ponte Marino. La formula rimane quella sperimentata con successo fin dal 1974 quando, per la geniale intuizione di Walter Della Monica, Ravenna diventò uno dei salotti letterari più considerati dagli intellettuali che negli anni, ben 45, sono stati ospiti del Centro. Il quarantacinquesimo ciclo degli Incontri Letterari inizia con un evento che è un’anteprima: il professor Giuseppe Sassatelli presenterà il grande progetto espositivo di Classis Ravenna.

In qualità di presidente di RavennAntica, ma soprattutto in virtù della sua fama internazionale di studioso del mondo antico,  il professor Sassatelli illustrerà il progetto del museo che, attraverso le diverse sezioni ed i reperti in esso esposti, intende raccontare le vicende che caratterizzano la storia di Ravenna e del suo territorio dalle origini all’anno Mille. Attraverso la proiezione di immagini si verrà guidati alla scoperta dell’allestimento, che comprende una ricca documentazione archeologica di cui verranno presentati alcuni reperti particolarmente significativi. Saranno illustrati anche gli apparati didattici, costituiti da ricostruzioni grafiche e tridimensionali, che rendono Classis un vero e proprio portale concepito per suggerire ai visitatori ulteriori itinerari di approfondimento, in rete con gli altri musei cittadini.

Dal primo dicembre prossimo infatti  l’ex zuccherificio di Classe, trasformato nel Museo della città e del territorio Classis Ravenna, sarà il punto culturale di riferimento per chiunque voglia conoscere compiutamente la storia di Ravenna, dai primi insediamenti alla civiltà etrusca, fino al ruolo importante della città in epoca romana e quindi a Ravenna Capitale dell’Esarcato Bizantino. Da luogo abbandonato a biglietto da visita di Ravenna e della sua illustre storia antica. Accade all’area dell’ex zuccherificio di Classe, a pochi passi dalla basilica di Sant’Apollinare, tra i tesori massimi di Ravenna. Qui, nei primi decenni del secolo scorso, 600 operai trasformavano tonnellate di barbabietole in montagne di zucchero che, per nave e ferrovia, raggiungevano l’Italia e l’Europa. Classis Ravenna sarà il punto di partenza necessario per ogni visita. Non solo alla contigua area archeologica dell’antico Porto di Classe, ma verso l’intera città. Attraverso materiali archeologici il cui valore intrinseco viene esaltato dall’essere proposto in un’ottica unitaria, nonché supportato dai più moderni ausili tecnologici, qui si potranno rivivere tutti gli snodi principali della storia del territorio.

Prossimo appuntamento: venerdì 12 ottobre ore 18, sala Muratori, via Baccarini 5, Flavio Caroli, L'arte italiana in quindici weekend e mezzo, Mondadori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento