Parte l'estate delle magliette gialle: ecco i volontari di 'Lavori in Comune'

Ad oggi gli iscritti sono 694, di cui 425 femmine e 269 maschi; per 420 di loro si tratta della prima volta

Venerdì mattina, per la prima volta a palazzo Rasponi Dalle Teste, si è aperta l’ottava edizione di "Lavori in Comune" con la consegna delle ormai note magliette gialle. Numerosissimi le ragazze e i ragazzi intervenuti, tra i 14 e i 19 anni, che hanno formato un colorato effetto giallo nella piazza Kennedy e che da lunedì saranno impegnati nelle attività di volontariato e cittadinanza attiva, dedicandosi a iniziative e progetti a favore della comunità. Ad oggi gli iscritti sono 694, di cui 425 femmine e 269 maschi; per 420 di loro si tratta della prima volta. Sono ben 64 le iniziative e i laboratori in programma, per 113 settimane di attività.

Ad accogliere i volontari, l’assessore al decentramento Gianandrea Baroncini. “E’ una gioia accogliervi qui – ha detto l’assessore – per augurarvi una buona estate e tanta soddisfazione nelle attività che vi vedranno coinvolti. I progetti sono tanti, pensati per le diverse sensibilità e inclinazioni, ma il tratto comune è quello della consapevolezza di un impegno a favore della comunità di cui sarete protagonisti. Si tratta di un’esperienza di cittadinanza attiva che forse non avreste avuto modo di incrociare e che costituisce, da un lato, un valore aggiunto per voi, permettendovi di crescere e formarvi come cittadini e dall’ altro un aumento enorme del capitale sociale della città”.

Il progetto Lavori in Comune è promosso dall’assessorato al Decentramento, sostenuto dai dirigenti scolastici delle scuole secondarie di secondo grado e realizzato con la collaborazione di numerosissimi soggetti pubblici e privati, del mondo dell’associazionismo, dei servizi e del volontariato, ma anche da singoli volontari. Le attività sono suddivise in aree legate all’Ambiente, all’ Arte, alla Creatività, all’ Educazione, alla Tua Ravenna e a Sani & Salvi. Tra le novità di questa edizione ci sono il recupero e la cura di tartarughe spiaggiate o ferite, lo studio e il monitoraggio delle specie che abitano il fiume Montone, l’officina di cartapesta per la realizzazione di grandiose sculture, il supporto all’ attività di animazione degli ospiti della Zalambani, l’eduquake per il sostegno allo svolgimento dei compiti scolastici, la sicurezza in mare attraverso una settimana con la Guardia costiera ausiliaria.

Tra le tante attività, solo per fare alcuni esempi, la realizzazione di murales, il ripristino di panchine, strutture e aree verdi pubbliche, preparazione di performance teatrali, musicali e di danza. La grande festa finale, prevista a conclusione del progetto, si terrà il 18 ottobre, alle 20.30, all’Almagià, con la consegna degli attestati di partecipazione che potranno essere convertiti in crediti formativi scolastici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Dramma sulla Ravegnana: schianto fatale, muore una giovane madre

  • Sangue sulle strade, tremendo incidente sulla Ravegnana: muore una persona

  • Vita spezzata sulla Ravegnana, Elisa era in procinto di sposarsi: "Un angelo volato troppo presto"

  • "L'Ue vieta l'unico prodotto efficace contro la cimice asiatica. Sarà un disastro"

  • Precipita in un canalone con la mountan bike: attimi di terrore per un ravennate

Torna su
RavennaToday è in caricamento