menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pavaglione, l'albero secco diventa un caso. Il Comune: "Seguite prassi standard"

Si è insecchito uno dei nove "alberi di Giuda" piantati lo scorso aprile nel piazzale interno del Pavaglione nell’ambito dell’intervento di riqualificazione dell’area

Si è insecchito uno dei nove "alberi di Giuda" piantati lo scorso aprile nel piazzale interno del Pavaglione nell’ambito dell’intervento di riqualificazione dell’area. "Quando si mettono a dimora nuove piante, specialmente se già sviluppate e tendenti ad un “pronto effetto”, non è possibile escludere totalmente che nei primi tempi alcune di esse non resistano al “trapianto” e quindi si secchino - commenta l'amministrazione comunale -. Per questo, nell’ottica di ottenere il risultato previsto, alcuni Cercis siliquastrum già zollati sono a disposizione per eventuale sostituzione".

"La pianta in questione non sarebbe ancora da sostituire (sostituzione che comunque non avverrebbe prima di ottobre) - prosegue l'amministrazione -. È in essere una collaborazione con la facoltà di Agraria dell’Università di Bologna per la cura del giardino pensile della Rocca, alla quale potranno comunque essere richieste eventuali consulenze specifiche anche per il Pavaglione, qualora risultasse necessario. L’evento in questione può purtroppo ritenersi comunque fisiologico, ragion per cui il fatto specifico in sé non deve essere preso a pretesto per stigmatizzare la sistemazione degli alberi, che è stata valutata da professionisti per coniugare estetica, funzionalità e benessere delle piante, con il benestare della Soprintendenza di Ravenna. Gli alberi, con la loro crescita, contribuiranno tra le altre cose a rendere più accoglienti e fruibili le sedute di piazza Mazzini".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento