Pavoni e daini non piacciono a tutti: "Sbagliato associarli al degrado e volerli uccidere"

Nel Comune di Ravenna si stanno moltiplicando le occasioni di convivenza tra animali, oltre a quelli cosiddetti domestici ovviamente

Nel Comune di Ravenna si stanno moltiplicando le occasioni di convivenza tra animali, oltre a quelli cosiddetti domestici ovviamente. A Punta Marina, ad esempio, si è stabilita una colonia di pavoni. "Una trentina di individui che si trovano perfettamente a loro agio nel piccolo borgo regalandogli un prezioso elemento identitario tra le località turistiche della costa romagnola - spiegano dal gruppo consiliare di Ravenna in Comune - Abbiamo poi una pineta, quella di Classe, dove invece si muovono in libertà i daini. E poi ci sono i fenicotteri nella pialassa. Ed è tornato il fratino. E sempre più spesso dai giornali spuntano notizie di episodi singoli di apparizioni nel contesto urbano. È una bella differenza, sia nella forma che nella sostanza, rispetto a trovare il nome di Ravenna ricollegato alla più grande strage da botulino di anatidi dei nostri tempi nella valle della Canna. O ai gabbiani affogati negli olii rilasciati nel Piombone. Giusto l’anno scorso".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma, puntualizza il capogruppo Massimo Manzoli, "come sempre c’è un “se”. Ha a che vedere con chi, invece, non sopporta l’idea di una convivenza possibile, enfatizza i problemi, identifica la presenza di esseri viventi non domestici come un indice di degrado, chiede a gran voce la loro eliminazione. Non possiamo vederla tutte e tutti allo stesso modo, per carità. Lo specismo in diverse gradazioni è parte integrante della nostra società e, anche se sarebbe quello il problema da eradicare, non si può non tener conto della sua esistenza. Il vero problema, però, è quando le ottuse istituzioni, locali e regionali, assumono quello dell’intolleranza come il proprio punto di vista. Così, non si ragiona di eventuali misure preventive, di recinzioni dove occorre metterle, di possibili indennizzi in caso di danno e, quale ultima ratio, di misure per il controllo delle nascite. Leggiamo invece sui giornali di assessori comunali che promuovono la deportazione dei pavoni. E di assessori regionali che invece discutono con le associazioni venatorie di uccisioni dei daini. Ravenna in Comune è assolutamente contraria all’equazione animali uguale degrado. Pretendiamo dall'Amministrazione comunale di Michele de Pascale e regionale di Stefano Bonaccini che venga ascoltato il punto di vista di chi promuove soluzioni per la compresenza tra specie. Promettiamo strenua opposizione, per quanto di nostra competenza e possibilità, rispetto all’assunzione di decisioni come quelle anticipate dai giornali. Viva, in tutti i sensi, il paese dei pavoni e la pineta dei daini!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

  • Troppi casi di Coronavirus nelle classi: chiude un'altra scuola

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • A 91 anni fa il Giro d'Italia in barca a vela: "Mettetevi in gioco, è la paura che fa invecchiare"

  • Violento scontro all'incrocio, mezzi distrutti: una famiglia all'ospedale

  • Violento schianto tra auto e moto: 18enne gravissimo in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento