rotate-mobile
Cronaca

Pavoni di Punta Marina, dopo le proteste l’allevatore rinuncia al trasferimento: e ora cosa accadrà?

L'allevatore che aveva dato la propria disponibilità ad accogliere una parte dei pavoni ritira la sua offerta a causa delle proteste sollevatesi

Nuovo 'colpo di scena' nella vicenda dei pavoni di Punta Marina. L'allevatore che aveva risposto alla manifestazione d’interesse promossa dal Comune di Ravenna per la cattura incruenta di una parte dei pavoni presenti a Punta Marina e il successivo trasferimento in un’area idonea al loro benessere, ha comunicato all’Amministrazione che, a causa delle proteste sollevatesi, non intende più dare seguito all’attività prevista. Nei giorni scorsi era infatti scoppiata la polemica ambientalista sul trasferimento dei pavoni, con anche un intervento in Regione della consigliera Giulia Gibertoni (Gruppo Misto).

L’Amministrazione comunale, nel prendere atto della rinuncia dell’allevatore, ribadisce non solo che "l’attività era stata organizzata in modo da garantire la massima tutela del benessere dei pavoni ma anche che era stata ritenuta opportuna a tutela di altre specie presenti sul territorio, alle quali la convivenza con i pavoni reca pregiudizi, non essendo questi ultimi autoctoni e comportando la loro presenza il venir meno della possibilità di procurarsi il cibo da parte di altre specie". Resta ora da capire quale sarà la mossa del Comune per risolvere una vicenda che si è infiammata in particolare nello scorso ottobre, quando il Comune pubblicò un avviso per catturare e spostare i pavoni da Punta Marina

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pavoni di Punta Marina, dopo le proteste l’allevatore rinuncia al trasferimento: e ora cosa accadrà?

RavennaToday è in caricamento