rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Cronaca

Pc e strumenti informatici donati al progetto “Trashware”: la generosa azione della banca

I dispositivi rigenerati saranno poi messi a disposizione di associazioni del territorio

Rigenerare dotazioni informatiche non utilizzate come personal computer, schermi e stampanti e donarle a chi ne ha bisogno. E’ questo l’obiettivo del progetto “Trashware – Nuova vita al tuo computer” ideato dall’Associazione S.P.R.I.Te. Studenti Polo Romagnolo in Informatica e Tecnologie di Cesena. L’associazione coinvolge giovani studenti volontari del Campus cesenate e si occupa, attraverso l’attività di ricondizionamento con sistema operativo e software open source, di favorire il riuso di dispositivi funzionanti ma in dismissione da aziende e privati per renderli poi disponibili ad associazioni di promozione sociale, di volontariato, scuole. Si attiva così un circolo virtuoso che prolunga la vita residua dei dispostivi, contrastandone l’obsolescenza prematura, favorisce la riduzione del divario digitale e l’informatizzazione dei settori del non profit e della scuola.

La Bcc ha effettuato una importante donazione al progetto Trashware di dispositivi in buono stato ma non più utilizzati dalla banca nello svolgimento dell’attività ordinaria, affinché possano essere rigenerati e messi a disposizione delle associazioni del territorio, che la banca già affianca in progetti di innovazione sociale e cooperativa. Nelle scorse settimane il materiale è stato consegnato al laboratorio dell’

Alessio Morellini, preposto della filiale La Bcc di Cesena Fiorenzuola presente alla consegna ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti di attivare con questa donazione il ciclo del riuso delle risorse. Rigenerarle, per metterle a disposizione di chi ne ha bisogno, è un intervento coerente con le politiche di sostenibilità della nostra Banca e siamo ben felici di promuovere questa iniziativa a favore del territorio, condividendo l’energia e il dinamismo dei giovani che alimentano questo progetto.”

“Siamo onorati e orgogliosi di poter collaborare con una importante realtà come La Bcc per portare avanti gli obiettivi fondamentali del nostro progetto: contribuire allo sviluppo sociale mediante la diffusione della cultura informatica a tutti e del riuso di materiale informatico che altrimenti sarebbe stato avviato allo smaltimento – dichiara Marica Romano, Segretaria dell’Associazione S.P.R.I.Te.. Lavoreremo affinché questi computer possano essere strumenti affidabili e utili per le associazioni, che contribuiranno ad arricchire il nostro territorio con i loro servizi.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pc e strumenti informatici donati al progetto “Trashware”: la generosa azione della banca

RavennaToday è in caricamento