menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Visita a un neonato (immagine d'archivio)

Visita a un neonato (immagine d'archivio)

Pediatra trasferita e rischio chiusura per un ambulatorio: monta la protesta fra le mamme

Una dottoressa che aveva in cura circa mille bambini è stata trasferita per necessità personali e adesso i genitori chiedono risposte per la salute dei loro figli

A Cervia monta la protesta fra le mamme dei circa mille bambini seguiti dalla dottoressa Dessì. La pediatra è stata trasferita per necessità personali e adesso, come scrive in un post pubblico una mamma, "c'è il rischio che l'ambulatorio venga soppresso".
Nell'appello scritto dalla madre di uno dei piccoli pazienti, che sta ricevendo moltissimi commenti da altri genitori viene sollevato il problema. "In un momento come questo all'insegna dell'emergenza creata dal covid 19, dove ogni starnuto è colpo di tosse è accusatorio mi chiedo se sia il momento giusto per l'Ausl Romagna di chiudere questo ambulatorio a Cervia, lasciando allo sbaraglio un migliaio di bambini e bambine e sovraccaricare gli altri tre ambulatori già presenti e operanti nella cittadina".

"La Dessì nel frattempo ha lasciato la sostituta che ci seguirà fino al 19 ottobre", continua la mamma che mette in luce la necessità che subentri una dottoressa che già conosca i pazienti. "A oggi chiamando al cup ci dicono che dopo il 20 si può scegliere una delle tre pediatre di Cervia che tra l'altro hanno già il loro numero elevato di pazienti. Ci chiediamo perché eliminare il 4° ambulatorio a discapito dei bambini", e secondo la mamma a favore di altre logiche.

Tra le perplessità è forte il dubbio su come si possa "smistare mille pazienti in età pediatrica in questo modo e in questa situazione in cui ci ritroviamo, non ci sembra giusto la salute prima di tutto e la tutela dei bambini. Abbiamo già scritto al sindaco di Cervia, ma ancora nessuna risposta, al sindaco di Ravenna che vive a Cervia e al presidente Bonaccini. Tenere aperto il 4° ambulatorio pediatrico è nel nostro diritto".

Replica l'Ausl: "Il tema è all'attenzione dell'azienda, tanto che si è già svolta una riunione in merito, e che la questione sarà nuovamente analizzata in tempi molto brevi per valutare quale sia la possibile soluzione. E' comunque bene rimarcare che sul territorio di Cervia sono presenti altri tre ambulatori di pediatri di lilbera scelta, che potenzialmente sarebbero in grado di assorbire tranquillamente tutti i pazienti della professionista che ha deciso di rinunciare all'incarico, garantendo la scelta delle famiglie e senza disagi. In ogni modo la valutazione è aperta, ed a seguito del confronto in atto si addiverrà comunque alla scelta più appropriata per la comunità cervese".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento