menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trovati di notte nel canale Piomboni con 2 quintali di vongole: denunciati pescatori abusivi

Alla vista dei militari, i pescatori hanno riversato frettolosamente in acqua parte del pescato e si sono allontanati velocemente, cercando di far perdere le proprie tracce

I militari della sezione operativa navale della Guardia di Finanza di Marina di Ravenna, nel corso della vigilanza in materia di polizia doganale e ittica svolta a bordo di un'unità navale durante la notte nell’area fra il canale Candiano e il canale Piomboni, hanno avvistato due imbarcazioni con a bordo quattro individui intenti alla raccolta abusiva di vongole mediante l’uso di una rasca.

Alla vista dei militari, i pescatori hanno riversato frettolosamente in acqua parte del pescato e si sono allontanati velocemente, cercando di far perdere le proprie tracce. Vanificati i tentativi di fuga anche per il pronto intervento in zona di pattuglie in servizio “117” del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ravenna appositamente allertate, la vedetta del Corpo è riuscita a bloccare le imbarcazioni, rinvenendo a bordo circa 210 chili di vongole oggetto dell’illecita raccolta, immediatamente sottoposti a sequestro amministrativo. I 4 sono stati quindi denunciati all'Autorità Giudiziaria per bracconaggio ittico e pesca in zona e tempi vietati. Il pescato, considerato lo stato ancora vitale verificato dall'autorità sanitaria, è stato rigettato in mare. Sono state poi sequestrate le due imbarcazioni e le attrezzature utilizzate.

Le zone lagunari salmastre interne del territorio ravennate sono aree sensibili al fenomeno della raccolta di frodo di vongole, a contrasto del quale i finanzieri del Reparto Operativo Aeronavale di Rimini, di cui fa parte il reparto operante, nell’ambito della complessiva attività di vigilanza, prevenzione e repressione dei traffici illeciti in mare hanno sempre prestato una particolare attenzione a tutela dell’ambiente, degli onesti operatori della pesca nonché dei consumatori, in quanto i prodotti ittici raccolti al di fuori dei regolari canali di approvvigionamento possono sfuggire ai prescritti controlli sanitari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento