rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca Cervia

A Cervia petardi e fuochi d'artificio vietati per Capodanno: multe fino a 250 euro

Il sindaco Massimo Medri ha firmato un'ordinanza che ne vieta l'utilizzo in luogo pubblico e privato dalla mezzanotte del 30 dicembre 2022 alla mezzanotte del 9 gennaio 2023

Niente fuochi d'artificio e petardi per Capodanno a Cervia. Il sindaco Massimo Medri ha firmato un'ordinanza che ne vieta l'utilizzo in luogo pubblico e privato dalla mezzanotte del 30 dicembre 2022 alla mezzanotte del 9 gennaio 2023. "Si pone l'esigenza di contenere la consuetudine di festeggiare le festività di fine anno e soprattutto la notte di Capodanno con il lancio di petardi, botti e artifici pirotecnici di vario genere, che oltre ad essere pericolosi potrebbero costituire occasione di assembramento", si legge nel testo dell'ordinanza, la cui violazione comporta una sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro.

"Ogni anno, a livello nazionale e locale, si verificano infortuni anche gravi a causa dell’utilizzo di prodotti pirotecnici - prosegue l'ordinanza - Il pericolo oggettivo sussiste anche in caso di utilizzo di petardi in libera vendita, trattandosi pur sempre di materiali esplodenti. In conseguenza a tali comportamenti si possono verificare anche danni materiali al patrimonio pubblico e privato, come pure nell’ambiente naturale, dovuti all’inquinamento acustico provocato. Tale condotta può rappresentare, per incompetenza all’uso e per assenza di precauzioni minime di utilizzo, un serio pericolo per l’incolumità pubblica, soprattutto per i minori. L'accensione ed il lancio di fuochi d'artificio, lo scoppio di petardi, l'esplosione di bombolette e mortaretti, il lancio di razzi è sempre stato causa di disagio e oggetto di lamentele per l'uso incontrollato da parte di persone che spesso non rispettano le precauzioni minime di utilizzo e a cui hanno fatto seguito proteste e richieste di emissione di appositi atti interditivi".

Conseguenze negative, specifica il sindaco, "vengono a determinarsi anche a carico degli animali da affezione, di allevamento e selvatici in quanto il frastuono degli artifici pirotecnici a effetto scoppiante, oltre a ingenerare spavento negli animali, li porta a perdere il senso dell'orientamento aumentando il rischio di smarrimento stessi fino al punto di indurli alla fuga dall'abituale luogo di dimora, con conseguente rischio per la loro stessa incolumità e più in generale per la sicurezza stradale".

L'ordinanza specifica infine che "occorre d’altra parte salvaguardare gli spettacoli pirotecnici autorizzati, realizzati da professionisti secondo i più rigidi dettami di sicurezza, espressioni di cultura e arte universalmente apprezzate e che positivamente si ascrivono a bagaglio delle migliori tradizioni popolari, per i quali è comunque necessaria preventiva autorizzazione ex art. 57 Tulps", esclusi infatti dal divieto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Cervia petardi e fuochi d'artificio vietati per Capodanno: multe fino a 250 euro

RavennaToday è in caricamento