Piattaforme, confronto sulla chiusura di Angela Angelina: "Lido di Dante sta sprofondando"

Lo sottolinea l'assessore alle Attività produttive Massimo Cameliani, rispondendo martedì pomeriggio in Consiglio comunale a una interrogazione di Alvaro Ancisi di Lista per Ravenna

È ancora aperto il confronto tra Comune di Ravenna, ministero dello Sviluppo economico ed Eni per arrivare alla chiusura anticipata della piattaforma di estrazione Angela Angelina. Lo sottolinea l'assessore alle Attività produttive Massimo Cameliani, rispondendo martedì pomeriggio in Consiglio comunale a una interrogazione di Alvaro Ancisi di Lista per Ravenna.

La posizione di Palazzo Merlato sulle estrazioni a mare e a terra è "ben chiara, nella consapevolezza che non abbiamo competenze amministrative dirette". E messa nera sul bianco nell'ordine del giorno approvato all'unanimità nel precedente mandato, ad aprile 2016. Da un lato "arrivare a un superamento dei punti di estrazione più vicini alla costa a partire dalla piattaforma Angela Angelina", per la quale è stata chiesta la chiusura prima della cessazione della scadenza in essere. "Questa interlocuzione - aggiunge - è ancora sul tavolo della giunta con il ministero dello Sviluppo economico per verificarne la possibilita'". Invece "siamo favorevoli alle piattaforme oltre le 12 miglia laddove sono possibili e all'attività estrattiva entro le 12 miglia sugli impianti esistenti. Una posizione di equilibrio che preserva la tutela ambientale e un tessuto imprenditoriale da 5.000 lavoratori e aziende che lavorano in tutto il mondo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per le aree a terra, conclude Cameliani, "non siamo favorevoli alle attività estrattive in territorio del Parco del delta del Po, per preservare le oasi naturalistiche". E proprio a quelle si riferisce Ancisi, per il progetto La Stefanina, prendendo spunto dalla richiesta della Regione al ministero di valutare le istanze di contrarietà ai progetti di estrazione tra Modena e Reggio-Emilia, nella zona del sisma 2012, da parte di Aleanna. "L'assessore risponde senza rispondere - polemizza - e la gente invoca risposte chiare". Su Angela Angelina "ancora si deve analizzare qualcosa, ma così più che sprofondare Lido di Dante sparisce". Su La Stefanina nulla di più di quanto scritto nell'ordine del giorno, conclude, senza fare riferimento "alle aree contigue". (fonte Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bagno con gli amici si trasforma in tragedia: perde la vita un 28enne

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • Schianto all'incrocio all'alba: automobilista in gravi condizioni

  • Sbaglia la manovra nello scambio di carreggiata: grave un motociclista

  • La giovane coppia dà nuova vita al luna park: "Ravviveremo Lido di Classe, mai perdere la speranza"

Torna su
RavennaToday è in caricamento