Cronaca

Più di 10mila corridori alla Maratona di Ravenna: e si pensa già all'edizione 2018

Ravenna Runners Club è già al lavoro per l’edizione 2018, che vedrà gareggiare i partecipanti per l’assegnazione del titolo di Campione Italiano Assoluto di Maratona maschile e femminile

È diventata maggiorenne l’anno scorso ma la crescita che ha fatto quest’anno è stata eccezionale. Global Ports Maratona di Ravenna in questa 19esima edizione, sul cui podio domenica sono saliti atleti provenienti da Kenya, Croazia, Polonia, Ungheria e Italia, si conferma una grande Maratona internazionale (43 le nazionalità in gara) ma soprattutto ha realizzato un sogno: diventare la festa più partecipata della città. 2850 classificati alla Global Ports Maratona di Ravenna: 1200 hanno tagliato il traguardo dei 42 km mentre sono 1650 i classificati della Mezza Maratona. Boom di iscritti: oltre 10.000 persone e un grande successo per le gare non competitive con 5300 corridori alla 10 km, 2200 ragazzi alla Conad Family Run e 120 binomi alla Dogs & Run – Maratonina a 6 zampe.

Ravenna ha accolto i suoi runner con grande entusiasmo: bellissima con i suoi antichi monumenti tra i quali la Maratona si snoda leggermente avvolti dalla nebbia, e le strade piene di pubblico entusiasta e cittadini scesi in strada a festeggiare i maratoneti. Grandi emozioni e tanto calore di chi lungo il percorso aveva scelto la propria postazione per applaudire e incitare i corridori, ma anche tanto spirito sportivo, visto l’enorme numero di ravennati che si sono iscritti alle gare, tanti da registrare nella 10 km Almaverde Bio Good Morning Ravenna nata solo 3 anni fa, il record di iscrizioni più alto con più di 5300 partecipanti. Tutti vicini ai runner a Ravenna: Polizia Municipale, Vigili del Fuoco, Carabinieri, Polizia Stradale, Autorità Portuale, Capitaneria di Porto e Croce Rossa tutti impiegati per la sicurezza lungo le strade.

Il Ravenna Runners Club ringrazia la Municipale per il lavoro svolto durante la Maratona

Podio misto tra Europa e Africa

Doppietta keniana per la gara maschile, con il primo posto conquistato da Samuel Kimutai Kiptum in 2:21’20” e il secondo da Samuel Njeru Karani (2:34’55”) mentre al terzo posto si è piazzato l’ungherese Zsigmond Elod (2:35’08”). Nella prova femminile successo croato con Marija Vrajic che ha chiuso la gara in 2:48’29”, precedendo la polacca Agnieszka Kuzyk (2:59’08”). Terzo posto azzurro con Francesca Patuelli (3:11’18”). Volata finale per la Mezza Maratona maschile: a dar spettacolo il keniano Andrew Mang’ata che ha tagliato il traguardo in 1:05’08” precedendo di solo un secondo il connazionale, Kurgat Gideon Kiplagat. Altro podio azzurro per il terzo classificato che ha visto l’italiano Francesco Nastasi arrivare con il tempo di 1:14:32. Lagat Ivyne Jeruto dal Kenya è prima nella Mezza femminile in 1:17:40, seconda classificata l’ungherese Tunde Szabo tempo 1:20:24. Di nuovo azzurro il terzo podio con l’italiana Federica Poesini. Un premio da mille e una notte è quello di Global Ports Traguardo Intermedio, posizionato a 4 km dalla partenza. Il premio, che è una grande novità della XIX edizione, consiste in una crociera messa a disposizione dal nuovo title sponsor: Global Ports Holding. L’hanno vinta: Lagat Ivyne Jeruto per le donne e Kurgat Gideon Kiplagat per gli uomini. Hanno invece conquistato il Trofeo Avis, altra novità del 2017, messo in palio per il primo vincitore e la prima vincitrice della Half Marathon che sono anche donatori AVIS  Francesco Nastasi con 1:14:32 e Giulia Vettor con 1:32:49.

Numeri e curiosità

Protagonisti assoluti sono come sempre i volontari cioè coloro che fanno sì che il sogno della Global Ports Maratona di Ravenna si realizzasse. E 224 erano gli studenti volontari di questa edizione di questi 51 ragazzi del Liceo Scientifico Oriani sezione Sportivo sono stati (impegnati in un progetto di alternanza scuola lavoro realizzato da Ravenna Runners Club in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione) mentre 500 sono stati i volontari di alcune società podistiche, gruppi cittadini, associazioni sportive. A tutti loro vanno i ringraziamenti più calorosi di Ravenna Runners Club. 15 fisioterapisti impiegati nell’area massaggi con servizio di assistenza fisioterapica. 13 Le band musicali con oltre 100 ragazzi coinvolti. 132 Andrea e 44 Francesca sono stati i nomi più rappresentanti. Il runner più maturo che ha corso a Ravenna ha 82 anni è italiano e ha corso nella mezza maratona, 19 anni invece è l’età della Runner più giovane sempre nella Half marathon. 10082 il numero più ricco: rappresenta le persone che hanno scelto Ravenna e la sua maratona per correre il 12 novembre. Il sindaco di Ravenna Michele De Pascale, e parte della giunta, hanno premiato i vincitori, inoltre gli assessori rispettivamente allo sport e al turismo Roberto Fagnani e Giacomo Costantini hanno corso con i pettorali rispettivamente della Almaverde Bio Good Morning Ravenna 10.5 km e Mezza Maratona. Sono 4850 le medaglie di mosaico consegnate ai runner partecipanti. Per i runner la medaglia della Global Ports Maratona di Ravenna è un vero e proprio oggetto del desiderio e vista la grande richiesta che Ravenna Runners Club ha avuto, l’organizzazione ha deciso di consegnare la medaglia in mosaico, oltre che ai finisher della maratona e della Half Marathon, anche ai primi 2000 iscritti alla Good Morning Ravenna. La medaglia è esclusiva e realizzata a mano dal laboratorio di Annafietta ed essendo in mosaico, porta nel mondo l’arte principe di Ravenna. 8500 sono le nuovissime magliette distribuite a tutti i partecipanti e ai volontari impegnati nell’evento. Sono state realizzate da Joma in qualità di Sponsor Tecnico e Ravenna Runners Club, un capo pensato per il massimo rendimento. La tecnologia Mesh utilizzata da Joma per la confezione, conferisce a questo tessuto, estremamente leggero, un’eccellente traspirabilità e una maggiore capacità di mantenere il corpo sempre fresco e asciutto. Sangemini ha fornito 23.000 bottiglie d'acqua, mentre sono stati quasi 1400 litri di integratori distribuiti. Zani ha fornito 13 quintali di mele che sono stati distribuiti nei ristori. 360 kg di frutta secca EuroCompany distribuiti nelle sacche gara e presso i ristori. 4660 brick di nettare frutta Almaverde Bio e 4752 brick di frullati Il Giardino Dei Sapori. 8600 bustine di grissini Vitavigor e 7 ristori Conad posizionati lungo il percorso e all’arrivo. Per garantire la sicurezza degli atleti e chiudere strade e incroci 500 transenne sono state montate lungo il percorso. 60 kg di coriandoli sono stati sparati alla partenza dei runners per creare un clima di ver festa. Il servizio sanitario è stato garantito da cinque ambulanze operative della Croce Rossa, con punti Dae per i defibrillatori lungo il percorso, e un Punto Medico Avanzato con medico rianimatore e infermieri di area critica in arrivo. Oltre ad altri 3 punti assistenza con Dae e cardiologo mesi a disposizione da Cuore e Territorio.

Ravenna Runners Club è già al lavoro per l’edizione 2018 (11 novembre) che vedrà gareggiare i partecipanti per l’assegnazione del titolo di Campione Italiano Assoluto di Maratona maschile e femminile. La gara di Ravenna è stata infatti scelta dalla Fidal come Campionato Italiano assoluto di Maratona per il 2018. È la terza volta in 4 anni che la gara organizzata da Ravenna Runners Club viene scelta per il titolo italiano. Ravenna indosserà quindi il tricolore delle maratone proprio nella prossima edizione che cade nel ventennale della gara mettendo in pista un evento molto importante dal punto di vista sportivo.

“Il nostro ringraziamento più grande va ai cittadini di Ravenna – ha dichiarato Ravenna Runners Club tramite il suo presidente Stefano Righini – che hanno partecipato con entusiasmo e passione alla maratona. La città quest’anno ha accolto la maratona a braccia aperte: non ho mai visto scendere tutti, ma proprio tutti, in strada per partecipare a una manifestazione cittadina. C’è chi ha scelto di stare tra il pubblico e di posizionarsi lungo il percorso per incitare i maratoneti e chi ha voluto gareggiare, magari insieme alla sua famiglia, agli amici, al cane, in compagnia insomma. Anche chi abituato a passare la domenica seduto in poltrona, ha preferito indossare un paio di scarpe da ginnastica e fare la 10 km a piedi. Questa è una ‘fotografia’ bellissima della mia città. Del resto la manifestazione è sempre più grande: quest’anno le novità sono state tante ma da sottolineare sono i premi che si sono aggiunti al montepremi di gara come il Trofeo AVIS e la crociera messa in palio dalla Global Ports Holding, nuovo title sponsor della maratona di Ravenna. Ma sono i numeri a farla da vincitori: un vero record. Devo ringraziare tutti coloro, volontari e cittadini, che si sono adoperati mettendoci il massimo impegno e professionalità, affinché anche questa edizione potesse essere vissuta positivamente da tutti gli oltre 10.000 partecipanti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più di 10mila corridori alla Maratona di Ravenna: e si pensa già all'edizione 2018

RavennaToday è in caricamento