Polveri sottili oltre i livelli massimi: scattano le misure d'emergenza

I risultati del bollettino mettono in evidenza il superamento dei limiti massimi di polveri sottili in tutti i comuni dell’Emilia Romagna con popolazione superiore ai trentamila abitanti per tre giorni consecutivi

I risultati del bollettino "Liberiamolaria" di giovedì mettono in evidenza il superamento dei limiti massimi di polveri sottili in tutti i comuni dell’Emilia Romagna con popolazione superiore ai trentamila abitanti per tre giorni consecutivi, come già avvenuto nei giorni scorsi in altre aree dell'Emilia Romagna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pertanto, a partire da venerdì 7 dicembre 2018 e fino a lunedì 10 dicembre incluso, scattano le misure di emergenza previste nell'ordinanza n. 24/2018, da attuarsi a seguito delle verifiche effettuate da Arpa. Le misure emergenziali, che si aggiungono a quelle ordinarie per il periodo compreso da ottobre 2018 a marzo 2019, prevedono: l’ampliamento della limitazione della circolazione, dalle ore 8.30 alle 18.30, a tutti i veicoli diesel Euro 4; la riduzione delle temperature di almeno un grado centigrado negli ambienti di vita riscaldati (fino a un massimo di 19°C nelle case, negli uffici, nei luoghi per le attività ricreative associative o di culto, nelle attività commerciali; fino a un massimo di 17°C nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali), ad eccezione di ospedali case di cura, scuole e luoghi che ospitano attività sportive; il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) aventi prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 4 stelle; il divieto assoluto di combustioni all’aperto, anche relativamente alle deroghe previste nel decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152, rappresentate dai piccoli cumuli di residui vegetali bruciati in loco; il divieto per tutti i veicoli di sostare con il motore acceso; il divieto di spandimento dei liquami zootecnici e, in presenza di divieto regionale, il divieto di rilasciare le relative deroghe, ad eccezione delle tecniche di spandimento con interramento immediato dei liquami e con iniezione diretta al suolo; il potenziamento dei controlli sia sulla circolazione dei veicoli, sia sugli impianti termici a biomassa, sulla combustione all'aperto e sullo spandimento liquami. Tutte queste misure resteranno in vigore fino al primo giorno di aggiornamento del bollettino di Arpae e saranno prorogate nel caso i livelli rimangono superiori alla soglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

  • Scontro tra due ciclisti nel sottopasso: uno è in condizioni gravissime

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Perde il controllo della moto e cade nel fosso: interviene l'elicottero

Torna su
RavennaToday è in caricamento