menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un ponte fra Italia e India con la web serie "VideoDante"

La serie performativa di sette episodi esplora l’universo dell’opera dantesca e le sue relazioni con la filosofia e la spiritualità indiana

La Compagnia Instabili Vaganti prosegue il proprio percorso di ricerca sui nuovi linguaggi multimediali applicati al teatro e alle arti performative - iniziato quasi un anno fa, in piena pandemia, con il progetto internazionale Beyond Borders che vanta collaborazioni a distanza con artisti da ogni parte del mondo - attraverso una nuova web serie performativa dal titolo “VideoDante” (Italia - India, 2021), che viene presentata in occasione delle celebrazioni per i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta.

“VideoDante” si comporrà di sette episodi, così come i giorni impiegati da Dante nel viaggio iniziatico tra i regni ultraterreni, che andranno a comporre una serie performativa fruibile sul web e visibile attraverso i canali social della Compagnia e dell’Istituto Italiano di Cultura di New Delhi, quest’ultimo produttore  del progetto insieme al Consolato Generale d’Italia a Calcutta.

Questo nuovo percorso creativo della Compagnia Instabili Vaganti esplora l’universo dell’opera dantesca e le sue relazioni con la filosofia e la spiritualità indiana, mette in scena azioni performative, teatrali e di danza attraverso la collaborazione artistica a distanza con la danzatrice Anuradha Venkataraman, con il giovane video maker Ashwin Iyer e, infine, con l’Associazione Indiana Culture Monks che coinvolge nel progetto danzatori, musicisti e perfomer del Nagaland, una regione indiana ricca di tradizioni legate a tribù differenti, tra cui quella dei Konyak, detta anche “cacciatori di teste”.

Nella Divina Commedia, Dante Alighieri nomina ripetutamente l’India e il fiume Gange e, come da tradizione dell’epoca, colloca il Paradiso terrestre nel territorio indiano. L’India ha dunque colpito, con le sue meraviglie, la mente del Sommo Poeta così come quella degli artisti di Instabili Vaganti che, grazie alle loro pregresse esperienze nel Paese orientale, potranno coniugare in questa serie aspetti della tradizione culturale dei due Paesi con quelli della sperimentazione performativa propria della Compagnia. Alcuni episodi della serie verranno girati in particolari location, sia storiche che naturalistiche, in Italia e in India.

In questo progetto la Compagnia mostra nuovamente una grande abilità nel rivedere il proprio modello di attività e nello sperimentare nuovi linguaggi e formati: “Per noi è davvero affascinante provare a tradurre e coniugare le “mudra”, i gesti simbolici delle mani usati durante le danze tradizionali indiane, con la poesia dei canti danteschi e con il nostro linguaggio sperimentale – afferma la regista Anna Dora Dorno - Nel processo di lavoro che abbiamo intrapreso, non smettiamo mai di stupirci per le continue connessioni che le due culture, italiana e indiana, avevano già in un’epoca così lontana e continuano ad avere ancora oggi”.

Possiamo iniziare a conoscere la serie attraverso il trailer con le immagini in anteprima, disponibile on line sui canali social dell’Istituto Italiano di Cultura di New Delhi e della Compagnia Instabili Vaganti. Seguirà il primo episodio il 17 febbraio 2021 e i successivi saranno fruibili on - line a partire dal 10 marzo 2021, ogni due settimane e sempre di mercoledì. Il duo artistico Instabili Vaganti è nato nel 2004 per volontà della regista, performer e artista visiva Anna Dora Dorno e del performer, drammaturgo e film maker Nicola Pianzola e si contraddistingue per la ricerca e l’innovazione nel teatro fisico, nelle arti visive e performative contemporanee e per la sperimentazione video.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento