Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

"Porto la scuola", 700 bambini alla scoperta della tradizione marinara

I bambini potranno trattare i temi della cultura marinara e scoprire i luoghi della memoria che fanno della città di Ravenna una delle realtà portuali più significative d'Italia

Torna anche quest’anno “Porto la scuola”, una straordinaria occasione d’incontro tra gli studenti e la tradizione marinara e marinaresca di Ravenna, grazie alla sinergia tra comune di Ravenna, Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale , Guardia Costiera, Circolo Velico Ravennate, Seaser, il sostegno di Autorità di Sistema Portuale e Sapir e la realtà che riunisce gli operatori del comparto marittimo. Attraverso laboratori, visite e interviste, per l’intera mattina di giovedì 700 allievi delle Scuole Primarie di primo grado "Iqbal Masih" di Lido Adriano, “Marino Moretti” di Punta Marina, “Mameli” di Marina di Ravenna insieme alla scuola secondaria di primo grado "Enrico Mattei" di Marina di Ravenna saranno testimoni di uno scorcio normalmente invisibile della vita di Ravenna, quello che riguarda il mare, la sua economia e i sodalizi che vi gravitano intorno, per trattare i temi della cultura marinara e scoprire i luoghi della memoria che fanno della città di Ravenna una delle realtà portuali più significative d’Italia.

Parole di soddisfazione e plauso sono state espresse dall’assessore alla pubblica istruzione Ouidad Bakkali e dall’assessore allo sport Roberto Fagnani che ne hanno evidenziato “l’importanza educativa e formativa e la coniugazione di scuola e sport come ulteriore occasione di crescita e socializzazione, valorizzando inoltre Ravenna quale città di mare”. Il presidente del Circolo Velico Gianni Paulucci ricorda “che il circolo ha cresciuto all’amore per il mare tre generazioni di ravennati e il continuo crescendo di Porto la scuola in questi sette anni racconta il trionfo dell’impegno per il proprio territorio facendosi ponte tra Ravenna e le istituzioni, Marina di Ravenna, il suo porto e i tanti attori che ogni giorno gli danno vita”. ”La vela è uno sport che ha sempre unito territori e realtà lontane - commenta Carlo Mazzini, consigliere del circolo - Ogni giorno insegnamo a navigare ai bambini e ai ragazzi di Ravenna e della regione, Porto la scuola è un’occasione per far incontrare le scuole con le realtà di mare del loro territorio e porre le basi per una sinergia tra istruzione e lavoro”. Il coinvolgimento di tutte le scuole dell'Istituto comprensivo del mare ne fa a tutti gli effetti una grande festa dell'identità del mare, un momento per riconoscere l'unità di tutte le scuole che si affacciano sull'acqua.

Il 2017 è un anno importantissimo: la settima edizione vede per la prima volta il coinvolgimento del porto industriale con due dei suoi pilastri, Sapir e Tcr che aprono le porte alle scuole per aiutarle a scoprire le realtà produttive che sostengono l’economia ravennate. Quest’anno per la prima volta ci sarà anche il coinvolgimento di due istituzioni scientifiche dell’Emilia Romagna, come Arpae che organizza un laboratorio sul meteo e l’Università di Bologna – Biologia Marina che accompagnerà i bambini a scoprire il mondo del pesce del nostro territorio. Inoltre, a preludio di un percorso che nei prossimi anni sarà spina dorsale del progetto, quest’anno parteciperanno gli studenti dell’Itis indirizzo logistica che si faranno da tramite, raccontando le aziende del porto agli studenti.

portolascuola-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Porto la scuola", 700 bambini alla scoperta della tradizione marinara

RavennaToday è in caricamento