rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Cronaca Faenza

Premio Faenza, proclamati i vincitori: il belga Yves Malfliet vince la categoria over 35

Il cinese Wei Bao si aggiudica invece il Premio della categoria under 35

Finalmente assegnati i premi della 62° edizione del Premio Faenza, la Biennale Internazionale della Ceramica d’Arte Contemporanea, tra le più importanti al mondo, organizzata dal MIC di Faenza da oltre ottanta anni.

La Giuria composta dalla direttrice del MIC Faenza, Claudia Casali, Judith Schwartz, presidente del Museum of Ceramic Art-NY, Ranti Tjan, direttore della Royal Academy of Art in The Hague, Tomohiro Daicho, senior curator del MOMAK di Kyoto, dopo un attento lavoro di analisi delle settanta opere selezionate ha giudicato come vincitrice della categoria over 35 l’installazione “Paradiso eclettico di terra” dell’artista belga Yves Malfliet e, come vincitrice della categoria under 35, l’opera “Courtyard Twilight Series IV” dell’artista cinese Wei Bao.

Entrambi gli artisti vincitori riflettono attraverso l’argilla sul rapporto tra uomo, società, natura e ambiente.

“Yves Malfliet evolve reinventando costantemente il suo lavoro attraverso creazioni argute e stimolanti.  – commentano i giurati - Il processo di lavorazione dell’argilla è caratterizzato da molteplici tecniche che danno vita ad un insieme armonico. L’aspetto intellettuale dell'opera porta ad indagare la nostra società e, più profondamente, i resti della società, attraverso la fusione e un apparente collasso degli oggetti, racchiusi in scatole in cui tutto è accatastato, come un bric-à-brac o rifiuti. L’opera ingloba l’intero spazio concesso: muro, tavolo, pavimento in una installazione totale di grande originalità”.

“Il lavoro di Wei Bao - continua la Giuria - pone invece l’attenzione sul rapporto tra uomo e natura a partire da una riflessione sulle antiche civiltà e i loro nuclei abitativi. La circolarità rappresenta la rivoluzione della Terra, le antiche civiltà iniziarono a vivere in spazi circolari, a contatto e in simbiosi con la natura. Questo è un tema quanto mai attuale: viviamo tutti i giorni la perdita di quell’armonia primordiale. L’opera ci richiama al rispetto degli equilibri naturali nel costruire, per tornare ad un dialogo sereno con la natura”.

La Medaglia della Camera dei Deputati è andata ad Anja Seiler, la Medaglia del Senato della Repubblica a Marieke Pauwels, il Premio Monica Biserni a Sarah Pschorn, il Premio in memoria di Eleuterio Ignazi a Victor Fotso Nyie, il Premio Rotary a Marco Samorè, il Premio Lions ad Elysia Athanatos, la Medaglia d’argento della rivista “D’A”ad Hongli Peng, infine il Premio alla Carriera del MIC Faenza: Velimir Vukicevic.

Le Menzioni d’Onore della Giuria vanno invece a Sara Cancellieri, Frank Louis, Fausto Salvi, Veljko Zejac.

La cerimonia ufficiale di Premiazione del 30 giugno, dalle ore 17, prevede un dibattito con gli artisti premiati e darà il via alla mostra dei settanta selezionati che sarà visitabile dal 1 luglio al 29 ottobre 2023.

In mostra per lo più installazioni, realizzate da artisti già affermati (over 35) e giovani talenti (under 35), provenienti da tutto il mondo che hanno scelto la ceramica come mezzo principale per esprimere la loro poetica.

“La selezione presentata è una ricca ed interessante panoramica dell’arte ceramica contemporanea. – conclude la direttrice del MIC Faenza Claudia Casali -Un ventaglio di proposte che riflettono su temi attuali e danno una visione delle potenzialità oggi che la materia ceramica offre per la scultura e l’installazione. Ringrazio gli artisti che hanno aderito al progetto e la Giuria che, nonostante le difficoltà del momento nella nostra città, ha voluto essere presente e partecipare per dare sostegno agli artisti e a questa particolare edizione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio Faenza, proclamati i vincitori: il belga Yves Malfliet vince la categoria over 35

RavennaToday è in caricamento