rotate-mobile
Cronaca Piazza Bernini

In tanti al presidio contro le scritte no vax. De Pascale: "Solidarietà e gratitudine per sindacati e sanitari"

Il sindaco ravennate ha definito "ignobili e oltraggiose" le scritte con cui sono state imbrattate le sedi dei sindacati e dell'Ordine delle professioni infermieristiche

Una gran folla per non rimanere inermi davanti agli attacchi vandalici. Si è tenuto lunedì pomeriggio, alle 18, il presidio davanti alla sede dell'Ordine delle professioni infermieristiche (Opi) in piazza Bernini 2 a Ravenna per esprimere vicinanza a sindacati e Opi di Ravenna, colpite nella notte tra giovedì e venerdì da un raid vandalico che ha deturpato le varie sedi fra Ravenna e Marina di Ravenna con scritte riconducibili alle proteste 'no vax'. Presenti per l'occasione le organizzazioni sindacali, alcuni esponenti degli ordini medici, il sindaco, il prefetto e il questore di Ravenna, le forze dell'ordine e tanti cittadini.

Scritte no-vax, la manifestazione a Ravenna (foto di Massimo Argnani)

"Eravamo in tantissimi per manifestare solidarietà e gratitudine all'Ordine delle professioni infermieristiche e ai sindacati Cgil Cisl e Uil della Provincia di Ravenna, le cui sedi sono state colpite da ignobili atti vandalici, imbrattate da scritte oltraggiose riconducibili al movimento no vax - ha detto il sindaco di Ravenna Michele De Pascale - Le organizzazioni sindacali sono un presidio fondamentale di democrazia a difesa del lavoro e della salute dei lavoratori e lavoratrici. I professionisti e le professioniste della sanità hanno compiuto un sacrificio che va oltre l'umano a tutela della nostra salute durante la pandemia e la campagna vaccinale. E a loro va la nostra enorme gratitudine e solidarietà non solo per ciò che è avvenuto, ma sempre".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In tanti al presidio contro le scritte no vax. De Pascale: "Solidarietà e gratitudine per sindacati e sanitari"

RavennaToday è in caricamento