Licenziato per aver prestato il badge della mensa a un collega: "Provvedimento sproporzionato"

Cgil e Fiom intervengono sul caso del lavoratore della Marcegaglia che è stato licenziato dopo aver prestato il proprio badge per consentire l’accesso alla mensa a un altro lavoratore

Cgil e Fiom intervengono sul caso del lavoratore della Marcegaglia che è stato licenziato dopo aver prestato il proprio badge per consentire l’accesso alla mensa a un altro lavoratore, in servizio all’interno dello stesso stabilimento in virtù di un contratto d’appalto della propria ditta. "Il caso deve aprire una serie di riflessioni - commentano i sindacati - Innanzitutto riteniamo sproporzionato il provvedimento adottato dall’azienda rispetto all’accaduto e confidiamo che il lavoratore possa presto tornare al suo posto di lavoro. In secondo luogo, quanto avvenuto richiama l’attenzione sulle dinamiche presenti nel mercato del lavoro. In Marcegaglia, come in altre importanti realtà produttive, sono sempre più frequenti le esternalizzazioni e l’affidamento dei lavori in appalto. Succede così che in un unico sito produttivo siano impegnati lavoratori di differenti ditte, e questi lavoratori usufruiscano di condizioni molto diverse tra loro".

Cgil e Fiom ritengono che si debba "avviare un confronto approfondito affinché i lavoratori impegnati in un medesimo sito produttivo godano degli stessi diritti. Il diffuso ricorso agli appalti esterni permette alle aziende di sgravarsi di costi e responsabilità scaricandoli sui lavoratori in termini di salute e sicurezza, ma anche trattamenti economici. La possibilità o meno di usufruire della mensa è sintomatico delle insopportabili differenze di trattamento in essere. Su queste problematiche si deve aprire una seria riflessione, con le aziende committenti, sulle condizioni a cui vengono esternalizzati o dati in appalto parti importanti dei loro processi produttivi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Tommaso Sintini, ex pallavolista e veterinario: "Una bontà fuori dal comune"

  • Drammatico tamponamento mortale, il disperato volo dell'elicottero non riesce a salvargli la vita

  • Una giovane stilista romagnola conquista il principe Carlo con i suoi abiti

  • Gruppo multato sul Fumaiolo: "La libertà ha un prezzo più alto, continueremo a incontrarci"

  • Il Coronavirus strappa alla vita un 50enne: 130 nuovi casi nel ravennate

  • Parrucchieri, estetisti, gommisti fuori dal proprio Comune: si possono raggiungere?

Torna su
RavennaToday è in caricamento