Presunto ordigno bellico: divieto di accesso ad una delimitata zona di spiaggia a Marina di Ravenna

Tale divieto non si applica al personale tecnico di ditte impegnate nella ricerca del presunto ordigno o nella successiva eventuale bonifica bellica

Il sindaco Michele de Pascale ha emesso un’ordinanza che vieta a chiunque di accedere alla spiaggia di Marina di Ravenna, nel tratto di battigia antistante lo stabilimento “Dolce Lucia”, per un raggio di 30 metri che delimitano la zona del ritrovamento di un presunto ordigno bellico. Tale divieto non si applica al personale tecnico di ditte impegnate nella ricerca del presunto ordigno o nella successiva eventuale bonifica bellica, al personale delle forze dell’ordine e militari, al personale dipendente del Comune di Ravenna e ad eventuale personale medico. E’ stato dato l’incarico alla Polizia locale per la vigilanza sull'applicazione della presente ordinanza e per il presidio fisso dell’area per tutto l’arco delle 24 ore.

Foto di repertorio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Tommaso Sintini, ex pallavolista e veterinario: "Una bontà fuori dal comune"

  • Drammatico tamponamento mortale, il disperato volo dell'elicottero non riesce a salvargli la vita

  • Una giovane stilista romagnola conquista il principe Carlo con i suoi abiti

  • Gruppo multato sul Fumaiolo: "La libertà ha un prezzo più alto, continueremo a incontrarci"

  • Il Coronavirus strappa alla vita un 50enne: 130 nuovi casi nel ravennate

  • Parrucchieri, estetisti, gommisti fuori dal proprio Comune: si possono raggiungere?

Torna su
RavennaToday è in caricamento