Dante 2021, Matteucci presenta il progetto: "Serve un Comitato Nazionale"

"Il 12 dicembre abbiamo messo avanti tre idee - ha aggiunto il sindaco -. Per prima cosa chiediamo al Governo di costituire per tempo un Comitato Nazionale per il 2021"

Il sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci, ha presentato a Mantova, Capitale Italiana della Cultura 2016, il progetto Dante 2021. "Il 12 dicembre scorso abbiamo “chiuso” l'anno di Ravenna Capitale Italiana della Cultura 2015 che è stato anche l'anno delle celebrazioni per il 750° anniversario della nascita di Dante - ha ricordato il primo cittadino -. Insieme alla città di Verona e alla città di Firenze abbiamo lanciato quel giorno il programma Dante 2021  per dare il via subito ai lavori per le celebrazioni del 700esimo della morte del Sommo Poeta. Propongo alla città di Mantova di diventare sorella di questo progetto".

"Il 12 dicembre abbiamo messo avanti tre idee - ha aggiunto il sindaco -. Per prima cosa chiediamo al Governo di costituire per tempo un Comitato Nazionale per il 2021. In secondo luogo riteniamo opportuno che Governo e Parlamento operino perché, come avvenne in occasione del sesto centenario dantesco, si approvi quanto prima una Legge speciale di finanziamento che possa da subito sostenere la progettualità legata al settimo centenario. In terzo luogo ci impegniamo, come città dantesche, a lavorare in piena collaborazione e a fare in modo, in sintonia con il Ministero, che si possa costituire una rete delle istituzioni locali, nazionali ed internazionali che di Dante si occupano a vario titolo, attivando un coordinamento permanente tra i diversi soggetti interessati".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ravenna è teatro di eventi danteschi da decenni e ogni anno sempre di più - ha evidenziato il sindaco -. Ad esempio nel 2016 il rapporto tra il Festival e Dante diventerà quotidiano. Per due mesi dal prossimo maggio, giovani artisti animeranno i chiostri francescani con spettacoli danteschi. Per realizzare questa rassegna nella rassegna che porterà la zona dantesca al centro di Ravenna e del suo Festival. A gennaio partirà un bando internazionale per ricevere proposte artistiche adeguate. E poi, nel nome di Dante, il Ravenna Festival darà vita a uno dei progetti del dossier Ravenna 2019. Dal 2017, a cadenza biennale, Ravenna Festival ha affidato a Marco Martinelli e ad  Ermanna Montanari il compito di rappresentare il capolavoro dantesco usando lo spazio urbano come palcoscenico, dalle archeologie industriali fino alla pineta. Tanti artisti e tanti cittadini vi saranno coinvolti, come nel teatro medievale, quando a una sacra rappresentazione partecipava tutta la città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • A pochi giorni di distanza il Coronavirus porta via marito e moglie

  • Si cappotta in un campo col camion: portato a Bologna in elicottero, è gravissimo

  • Il cuore grande dei romagnoli: vacanze in campeggio gratis per medici e infermieri

  • Scompare da casa, vasta ricerca delle forze dell'ordine su tutto il territorio

  • Il Coronavirus si porta via un medico: "Una splendida persona sempre disponibile"

Torna su
RavennaToday è in caricamento