menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Blocco delle pensioni, i sindacati scendono in piazza per protestare contro il Governo

Si è tenuta venerdì mattina la mobilitazione dei sindacati dei pensionati che si sono ritrovati in piazza del Popolo, davanti alla Prefettura

Si è tenuta venerdì mattina la mobilitazione dei sindacati dei pensionati che si sono ritrovati in piazza del Popolo, davanti alla Prefettura, nell'ambito della mobilitazione nazionale contro la decisione del governo di tagliare la rivalutazione delle pensioni. Il presidio si è tenuto intorno alle 11. La manifestazione è sgtatas realizzata nell'ambito di una protesta nazionale che ha coinvolto poù città.

La protesta dei pensionati per la manovra finanziaria del governo, che ha bloccato la rivalutazione degli assegni superiori ai 1.500 euro lordi mensili, non si ferma. Dopo la mobilitazione del 28 dicembre scorso, che ha vinto scendere nelle piazze di tutta Italia migliaia di persone, con l’inizio del nuovo anno le dimostrazioni sono riprese in numerose province. “Ci stanno derubando e siamo molto arrabbiati”, spiega il segretario nazionale dello Spi Cgil Ivan Pedretti: “Non siamo il bancomat che fornisce al governo i soldi per i suoi giochini di prestigio. È una decisione scellerata e insopportabile perché ancora una volta si mettono le mani nelle tasche di chi ha lavorato duramente per una vita, facendogli pagare il conto della manovra economica”. Pedretti evidenzia anche come il provvedimento sia “un clamoroso passo indietro rispetto agli impegni assunti dal precedente esecutivo, che aveva stabilito il ritorno dal 1° gennaio 2019 a un meccanismo di rivalutazione che fosse in grado di tutelare il potere d'acquisto dei pensionati italiani”.

"Dopo dieci anni di rivalutazione bloccata, anche il nuovo governo ha dunque deciso di togliere soldi ai pensionati. Dal nuovo sistema di riduzione della perequazione per gli assegni superiori a tre volte il minimo (1.522 euro lordi mese nel 2018) e dal prelievo straordinario di solidarietà per quelle sopra i 100 mila euro lordi annui, l’esecutivo conta di ricavare 2,5 miliardi per finanziare le altre misure promesse, in primis il reddito di cittadinanza. Per le pensioni questo può comportare una perdita da 65 a 325 euro lordi all’anno, a partire dal 2019 e per il resto della vita del pensionato", spiegano i sindacati.

Pedretti evidenzia anche che nella manovra non c’è alcuna riforma della legge Fornero. “Con quota 100 si accontenta un pezzo del mondo del lavoro, ma si discriminano le donne, i lavoratori agricoli, del commercio e dell'edilizia. Sono esclusi da quota 100 proprio quelli che hanno una carriera discontinua”, spiega il segretario generale dello Spi Cgil: “Quota 100 è una misura che viene finanziata togliendo risorse ad altri pensionati, che hanno sempre pagato tasse e contributi, e senza colpire chi evade il fisco. Non mi pare una grande invenzione degna di un governo di vero cambiamento, ma piuttosto un vecchio trucco copiato da altri governi”.

Il dirigente sindacale punta il dito contro il blocco della rivalutazione. “Tre volte il minimo significa 1.500 euro lordi al mese, ovvero 1.200 euro netti. Fino a cinque volte significa 3 mila euro lordi, ovvero un assegno di 2.400-2.500 netti al mese. Non parliamo di pensioni d'oro, bensì di pensioni medie, di persone che già sono state impoverite e lo saranno ancora di più”, commenta l’esponente sindacale, rimarcando che “il blocco della rivalutazione fu introdotto nel 2011 da Monti, e oggi viene ribadito dal governo Lega-Cinque stelle”. Pedretti, in conclusione, sottolinea che “con l'accordo del 2016 avevamo riconquistato il meccanismo del 2000 di rivalutazione, più equo. Dunque c'è un netto peggioramento della situazione. Un pensionato perde oggi a causa del blocco della rivalutazione, ma perde anche per il futuro, perché considerando l'aspettativa di vita e l'inflazione vede ridursi il potere d'acquisto della sua pensione”.

Presente anche Il segretario provinciale del Partito Democratico di Ravenna, Alessandro Barattoni, secondo il quale si tratta di "una manovra profondamente sbagliata e con la quale si tagliano investimenti pubblici, non si mettono risorse sufficienti su scuola, sanità, sulla non autosufficienza. In pochi mesi di governo verdegiallo il sistema Paese è tornato instabile a livello economico e poco credibile a livello internazionale, dopo anni nei quali diversi indicatori economici erano tornati a segnare più anche se non si era riusciti a incidere a sufficienza sulla diminuzione delle disuguaglianze e su alcune fratture sociali importanti. Gli indicatori economici generali oggi indicano poca crescita e ancor meno fiducia. Sono andato in piazza perché la preoccupazione dei sindacati dei pensionati sulle modalità e sui contenuti di questa manovra è legittima e uno degli effetti più immediati che genererà sarà quello di aumentare ancora di più il livello delle disuguaglianze, facendo pagare la campagna elettorale permanente alle fasce che più hanno contribuito in questi anni. Si premiano furbi ed evasori ma soprattutto nello stesso tempo si scaricano sul futuro e sulle generazioni più giovani alcune promesse per pochi e non si rivalutano le pensioni di chi ha versato per una vita i contributi.”  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento