Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Castel Bolognese

Castel Bolognese e Solarolo: prove tecniche di fusione: si risparmierebbero 500mila euro all'anno

Sulla base delle indicazioni che arriveranno da consigli comunali, le due amministrazioni valuteranno se proseguire il percorso, presentando una “istanza di fusione” alla Regione

E' stato presentato lo “Studio di fattibilità per la fusione di Solarolo e Castel Bolognese”, realizzato grazie alla borsa di studio per soci BCC erogata dalla Fondazione Dalle Fabbriche e dal Credito Cooperativo Ravennate ed Imolese. Per Andrea Piazza, il curatore dello Studio, "la fusione ha una fattibilità tecnica ed organizzativa alta. Solarolo e Castel Bolognese, pur in presenza di alcune specificità territoriali dovute alla storia amministrativa dei due enti, presentano a livello complessivo una serie di caratteristiche che escludono nettamente gravi impedimenti alla fusione fra le due amministrazioni". 

Nei prossimi giorni lo Studio di fattibilità verrà quindi presentato ai rispettivi consigli comunali. Sulla base delle indicazioni che arriveranno da consigli comunali, le due amministrazioni valuteranno se proseguire il percorso, presentando una “istanza di fusione” alla Regione. La normativa prevede che la “finestra” per richiedere un'istanza di fusione si chiuda annualmente nel mese di marzo, per poi calendarizzare il referendum popolare nel successivo mese di novembre (la fusione verrebbe approvata solo se in entrambi i Comuni si superasse il 50 per cento dei voti favorevoli). Siccome le due amministrazioni comunali preferiscono che i cittadini siano adeguatamente informati e maturino una decisione consapevole, probabilmente non si forzeranno i tempi per arrivare ad un referendum già alla fine di quest'anno.

continua nella pagina successiva ====> COMMENTI E STUDIO

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castel Bolognese e Solarolo: prove tecniche di fusione: si risparmierebbero 500mila euro all'anno

RavennaToday è in caricamento