'Puliamo il mare', volontari di tutta la costa a caccia di rifiuti

Oltre alla pulizia della spiaggia ci sarà anche la liberazione della tartaruga Rossella a cura della Fondazione Cetacea all’interno del progetto europeo Tartalife

Pulizia organizzata delle spiagge libere, “pesca” della plastica a quattro miglia dalla costa, incontri formativi, e poi la liberazione in mare della tartaruga Rossella, salvata a seguito di una cattura accidentale in reti a strascico che le aveva causato diverse ferite al carapace: decine di attività, dal 7 al 9 giugno prossimi, occuperanno i volontari di oltre 40 associazioni del territorio che dai lidi ferraresi giù fino a Cattolica si riuniranno con l’unico obiettivo di ripulire il mare e sensibilizzare cittadini e turisti al rispetto ambientale.

La terza edizione di “Ripuliamo il mare” promossa da Fondazione Cetacea Onlus e dalle associazioni riminesi che compongono la Consulta per il Mare Pulito nell’ambito del progetto Clean Sea Life (co-finanziato dalla Commissione Europea attraverso il programma LIFE) verrà infatti quest’anno allargata a tutta la costa emiliano-romagnola grazie alla rete di associazioni e al coordinamento offerto dal settore ambiente di AICS – Associazione Italiana Cultura Sport, che attraverso i suoi circoli nautici e culturali, può contare su una rete di “sentinelle” attive sul territorio. Denso il programma di iniziative che riguarderà Rimini, Cervia, Cattolica, Misano Adriatico, Riccione, Bellaria e Lidi Ferraresi, con un coinvolgimento di circa un migliaio di volontari, tra bagnini, pescatori, sommozzatori, educatori sportivi, studenti, atleti, ragazzi e cittadini. Tutti uniti nella preservazione del mare attraverso piccoli gesti concreti, volti a sensibilizzare ai comportamenti rispettosi del mare.

"Anche gli angoli più remoti del Mediterraneo sono infatti invasi da materiali buttati o persi in mare; senza pensare a quanti rifiuti sono presenti in alcune aree degli Oceani - spiegano gli organizzatori - I rifiuti sono una delle principali minacce agli ecosistemi marini e rappresentano un rischio crescente per la biodiversità, l'ambiente, l'economia e la salute. I responsabili siamo tutti noi: l’80% del marine litter arriva dai corsi dei fiumi, attraverso i quali i rifiuti dall'entroterra giungono in mare, altri hanno origine da abbandoni illeciti, attività di pesca professionale e attività ricreative. Per questo, molte delle attività di pulizia del fine settimana coinvolgeranno anche le sponde dei fiumi, nelle vicinanze delle foci".

Per quanto riguarda Cervia, sabato 8 giugno alle 10 partirà la pulizia della spiaggia antistante la corsia di atterraggio del circolo e in mare sia da barca che con il gruppo di sommozzatori di Sea Shepherd. Alle 14 uscita in mare e pulizia dalla barca con il progetto di Vela Solidale. Domenica 9 giugno, alle 10, la presentazione del progetto di tutela delle tartarughe sul Delta del Po, e alle 12 la liberazione della tartaruga Rossella a cura della Fondazione Cetacea all’interno del progetto europeo Tartalife.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

rossella-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A pochi giorni di distanza il Coronavirus porta via marito e moglie

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • Schianto fatale all'incrocio con un camion: perde la vita un 78enne

  • Schianto all'incrocio con un camion: anziano in ospedale in condizioni gravissime

  • Inquinamento alle stelle, valori record in tutta la Romagna: la spiegazione di Arpae

  • Terrore in strada: spoglia una donna e la palpeggia, minore denunciato per violenza sessuale

Torna su
RavennaToday è in caricamento