rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Si 'entra' nel Purgatorio di Dante: un gioco da tavolo pensato anche per i malati di Parkinson

Dopo "Inferno", arriva la nuova edizione del gioco realizzato da una casa di produzione ravennate ambientato negli scenari della Divina Commedia di Dante

Dopo il gioco ambientato nell'Inferno di Dante, la casa di produzione ravennate Sir Chester Cobblepot e l'associazione Ravenna Parkinson, con il contributo dell’assessorato alle Politiche sociali del Comune, hanno creato un gioco da tavolo ispirato alle tematiche e alla psicologia del Purgatorio di Dante Alighieri, ideando al contempo un importante strumento di facilitazione all’inclusione delle persone affette dal morbo di Parkinson e più in generale, delle persone che soffrono di malattie neurodegenerative.

“Dante Alighieri: Comedia - Purgatorio” è il titolo del secondo capitolo della serie di giochi di società ideata dall’azienda ravennate in occasione del Settecentenario della morte del Sommo Poeta. Dopo la prima uscita dedicata all’Inferno, divenuta gioco ufficiale delle celebrazioni del 2021, il nuovo progetto è stato realizzato avvalendosi della supervisione di medici esperti, coinvolgendo anche pazienti e familiari.

“Abbiamo accolto e sostenuto con interesse e attenzione – afferma Gianandrea Baroncini, assessore alle Politiche sociali – l’iniziativa della casa di produzione ravennate e dell'associazione Ravenna Parkinson che hanno ideato e prodotto un gioco in grado di declinare tanti aspetti: culturale e identitario, ricreativo e soprattutto inclusivo, perseguendo e realizzando l’intento di renderlo facilmente utilizzabile dalle persone affette da parkinson. Mi complimento con gli ideatori e confermo la vicinanza dell’amministrazione a iniziative capaci di favorire ogni attività, compresa quella ludica, delle persone in difficoltà affinchè non smettano mai di sentirsi e di essere parte attiva della comunità”.

“Dante Alighieri: Comedia - Purgatorio” nasce da un’idea di Gabriele Mari, game designer oltre che operatore nell’ambito della disabilità. Grazie al supporto medico-scientifico del dottor Claudio Callegarini, sono state affrontate le principali problematiche di gioco patite dai pazienti, come la manipolazione dei componenti durante la partita, cercando al contempo di allenare le capacità cognitive dei malati di Parkinson, delle persone affette da demenza e da malattie neurodegenerative, coinvolgendo anche i pazienti e le loro famiglie. A livello cognitivo il gioco stimola l’utilizzo della memoria e dell'attenzione, favorendo la concentrazione e le capacità percettive, facilitando il confronto e la relazione. “Purgatorio”, infatti, ha una meccanica collaborativa: i giocatori devono aiutarsi a vicenda. Collaborando per accompagnare Dante Alighieri e la sua guida Virgilio all'espiazione delle sette Cornici della Montagna del Purgatorio, potranno ambire al titolo di “più virtuoso” della partita.

Il Parkinson, definito “paralisi agitante” da James Parkinson nel 1817, genera disturbi del sistema nervoso centrale principalmente degenerando alcune cellule nervose situate in una zona profonda del cervello denominata “sostanza nera”: i neuroni colpiti rimpiccioliscono e poi muoiono. Questa malattia è, purtroppo, presente in tutto il mondo, colpisce nella stessa percentuale entrambi i sessi e i motivi che la generano sono ancora sconosciuti: è di fondamentale importanza sostenere la ricerca.

Ravenna Parkinson è un'associazione fondata e promossa da volontari con lo scopo di aiutare gli ammalati e le loro famiglie, e di perseguire attività e iniziative per promuovere il loro benessere. Per questo l’associazione ha sostenuto la produzione di “Dante Alighieri: Comedia - Purgatorio”, per sensibilizzare la società civile sugli stereotipi e i luoghi comuni che accompagnano la malattia e per combattere lo stigma sociale attraverso un veicolo di aggregazione, cultura e, ovviamente, divertimento come il gioco da tavolo. Più in generale, l'accortezza con cui è stato trattato il tema della malattia fa sì che questo gioco possa essere giocato da tutti, nell’obiettivo di abbattere ogni barriera.

In questo nuovo progetto Sir Chester Cobblepot ha inoltre rinnovato l’accordo con Top Hat Games per la pubblicazione di un’esclusiva Special Limited Edition di “Dante Alighieri: Comedia - Purgatorio”, che verrà stampata in 700 copie limitate e numerate, riconoscibili da una speciale sovraccoperta. Questa preziosa edizione andrà ad arricchire la “collezione” della ricercatissima Special Limited Edition di “Dante Alighieri: Comedia - Inferno” esaurita in pochi giorni all’inizio del 2021. Inoltre, nelle fasi conclusive di realizzazione, il progetto si è avvalso dell’abilità degli studenti del Liceo Artistico “Nervi-Severini” di Ravenna che hanno vinto lo stage alla Cobblepot Games classificandosi tra i primi tre selezionati nel concorso per il logo dell’associazione Ravenna Parkinson. Tra gli incarichi a loro affidati, sotto la supervisione dell’artista Demis Savini, ci sarà la rivisitazione a colori delle tavole del gioco, ispirate alle opere in bianco e nero di Gustave Dorè.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si 'entra' nel Purgatorio di Dante: un gioco da tavolo pensato anche per i malati di Parkinson

RavennaToday è in caricamento