rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Cronaca Lugo

Quindici tra strade, piazzali e aree verdi porteranno il nome di altrettante donne; tra di loro anche tre lughesi

Per l'assessore Luigi Pezzi è “Un fatto importante perché la toponomastica disegna anche l'identità dei luoghi"

Nelle scorse settimane la giunta ha deliberato di intitolare a quindici donne altrettante strade, piazzali e aree verdi con l'obiettivo di dare evidenza e riconoscimento a personaggi femminili di rilievo locale, nazionale ed internazionale. “Un fatto importante perché la toponomastica disegna anche l'identità dei luoghi – spiega l'assessore Luigi Pezzi che ha la delega alla Toponomastica - . Aver intitolato a importanti figure femminili strade e aree verdi è un'opportunità per illuminare, anche in questo modo, la vita e le opere di queste grandi donne, tra cui troviamo anche delle lughesi che hanno lasciato il segno nella nostra comunità”.

Di seguito l'elenco delle intitolazioni.
Area Verde Elena Lucrezia Cornaro,
prima donna laureata al mondo (1646 - 1684), ad Ascensione nell'area verde in via Alberto Ballardini; Area Verde Ilaria Alpi, giornalista d’inchiesta impegnata nel campo dei diritti umani assassinata a Mogadiscio (1961 - 1994), a Ca’ di Lugo nell'area verde in via dei Maceri; Area Verde Elsa Morante, scrittrice, saggista e poetessa (Roma 1912 – 1985), a Lugo Est, nell'area verde tra via Veneto e via Don Giovanni Bosco; Area Verde Rosa Parks, figura simbolo per il movimento dei diritti civili (1913 – 2005), a Lugo Est nell'area verde in via Marche (precedente denominata Giardino Ombroso); Piazzale Marie Curie, fisica, prima donna insignita del premio Nobel  (1867 – 1934), a Lugo Est nel parcheggio al termine di via Bernardino Bagolini; Piazzale Tina Anselmi, politica, prima donna ministro della Repubblica (1927 - 2016), a Lugo Est nel piazzale tra via Fulco Ruffo di Calabria e via Albert Bruce Sabin (precedente denominato Piazzale dei donatori di sangue); Area verde Nilde Guerra, dichiarata “venerabile” nel 2007 da Sua Santità Benedetto XVI (Lugo 1922 – Bologna 1949), a Lugo Nord, area verde tra via Carlo Scarpa e via dei Bibiena; Via Rita Levi Montalcini, neurologa, vincitrice del premio Nobel per la medicina e senatrice a vita (1909 – 2012), a Lugo Nord nella strada che collega via Canale Inferiore Destra a via Foro Boario; Piazzale Margherita Hack, astrofisica, prima donna direttrice dell’Osservatorio Astronomico di Trieste (1922 – 2013), a Lugo Nord nel piazzale compreso tra via De’ Brozzi, via Canale Inferiore Destra, via Foro Boario e la suddetta via Rita Levi Montalcini; Area Verde Maria Novella Scardovi, impegnata nel sociale, fondatrice della Casa d’Accoglienza San Giuseppe e Santa Rita (Lugo 1949 - Faenza 1996), a Lugo Ovest nell' area verde tra via Nervesa della Battaglia e via Tigri; Sottopasso Artemisia Gentileschi, pittrice (1593 – 1653), a Lugo Ovest nel sottopasso che collega via Piero Calamandrei con via Lato di mezzo; Vicolo Alda Merini, poetessa  (1931 – 2009), a Lugo Ovest nella strada pedonale che collega via Luigi Rizzo con via Giorgio Moruzzi; Parcheggio Cicely Saunders, infermiera inglese, assistente sociale e medico, fondatrice della medicina palliativa moderna (1918 – 2005), a Lugo Sud nel parcheggio dell'ospedale in viale Masi; Area verde Amelia Earhart, aviatrice statunitense (1897 – dispersa nell'Oceano Pacifico 1937), a Villa San Martino nell'area verde in via Fratelli Fabbri; Stradello Nara Staffa, maestra elementare (Lugo 1950 – 2012), a Voltana nella strada pedonale che collega via Quarto dei Mille con via della Stazione.

I cartelli con le denominazioni sono in corso di installazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quindici tra strade, piazzali e aree verdi porteranno il nome di altrettante donne; tra di loro anche tre lughesi

RavennaToday è in caricamento