menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La raccolta fondi "in movimento": una sfida sportiva sui social per aiutare l'ospedale Covid

Per partecipare all'iniziativa di Liferunner è ammessa qualsiasi attività: dalla corsa al pilates, dai giochi in giardino a fare la sfoglia

In questo periodo difficile per tutti, Liferunner, la squadra di podismo e triathlon di Lugo, si schiera al fianco di chi in questo momento sta correndo per salvare le nostre vite dal Coronavirus. Ma Liferunner non è nuova in questo tipo di iniziative: il progetto nasce alcuni anni fa proprio con lo scopo di unire la corsa alla beneficenza.

"Visto che siamo costretti a restare a casa cercheremo di festeggiare tutti insieme #distantimauniti. Abbiamo pensato ad una challenge aperta a tutti, di qualunque età, sportivi e non, in cui ognuno di noi si impegna a fare qualcosa di sportivo nell'arco del weekend di Pasqua", spiega Marco Andraghetti presidente di Liferunner.

Una gara senza vincitore e senza classifica, con il solo scopo di stare distanti ma uniti e fare un gesto importante nei confronti delll'Ospedale di Lugo. Per partecipare non c'è una quota di iscrizione, ma ognuno dona quel che può e la somma viene destinata all'ospedale Covid lughese. E' ammessa qualsiasi attività: corsa, bici, pilates, yoga, ginnastica, ma anche fare la sfoglia, giocare in giardino, saltare la corda. Insomma, basta fare un po' di movimento e liberare la fantasia.

Una volta effettuata l'attività, si può postare una foto sui social dell'attività svolta; in settimana l'immagine sarà pubblicata sul sito e sui social di Liferunner, insieme a un pettorale virtuale e a una medaglia che ciascuno potrà stampare in ricordo di questa challenge. In alternativa si possono inviare le foto a: info@liferunner.it 
Si può fare una donazione anche andando su www.gofundme.com e cercando Liferunner.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento