Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Raccolti 15mila euro per il trasporto dei pazienti al gran galà dello Ior

Numeri importanti: i 52 volontari autisti dello Ior hanno percorso, nel solo 2016, la bellezza di oltre 172.000 chilometri insieme a 618 pazienti romagnoli durante 4.620 visite

Venerdì sera nella prestigiosa cornice delle Sale del Palazzo della Prefettura, si è tenuta la terza edizione del Gran Gala Ior di Ravenna: un evento organizzato dall’Istituto Oncologico Romagnolo che nasce per aggregare Istituzioni, mondo del Volontariato, medici, ricercatori e Aziende partner che da anni sostengono le attività della Onlus. L’appuntamento, condotto dal fondatore dell’Associazione Amare Ravenna Daniele Perini (fondatore dell’Associazione Amare Ravenna), ha avuto un notevole richiamo: hanno partecipato più di 120 persone, dato che dimostra quanta considerazione in questi anni l’organizzazione abbia guadagnato grazie alla sua attività di lotta contro il cancro e assistenza pazienti. Grazie ai contributi spontanei e alla generosità dei presenti, l’Istituto Oncologico Romagnolo ha incassato la ragguardevole cifra di 15.000 euro, che verranno interamente destinati al sostegno del servizio d’accompagnamento gratuito dei pazienti che non possono raggiungere i luoghi di cura in autonomia.

I 52 volontari autisti dello Ior hanno percorso, nel solo 2016, la bellezza di oltre 172.000 chilometri insieme a 618 pazienti romagnoli durante 4.620 visite: numeri importanti, che fanno ben capire quanto il bisogno di una tale attività sia avvertito. "D’altronde non è infrequente che le persone che devono recarsi ai luoghi di cura per le terapie non abbiano la possibilità di raggiungerli in autonomia - spiegano dallo Ior - Alcuni preferiscono evitare di prendere l’auto e di guidare dopo una spossante sessione di chemioterapia; altri hanno famigliari che lavorano; altri ancora sono semplicemente soli. I nostri volontari vanno a prendere il paziente sotto casa; lo portano in ospedale; attendono il termine della terapia; infine lo riaccompagnano presso la sua abitazione. Per questo, per molti di quelli che affrontano il cancro, loro non sono semplici persone, sono angeli. Attualmente, tuttavia, questo servizio non è disponibile sulla sede di Ravenna. Ai fini dell’attivazione occorre non solo l’acquisto di un automezzo dedicato al trasporto dei pazienti del territorio, ma anche affrontare la copertura dei costi per carburante, assicurazione, manutenzione, spese telefoniche per la gestione degli appuntamenti mediante un numero telefonico dedicato e la realizzazione di materiale di comunicazione per la divulgazione del servizio. Per tutti questi motivi, gli eventi di raccolta fondi che vengono realizzati durante il periodo di Natale sul territorio di Ravenna saranno dedicati completamente all’attivazione del servizio".

Mario Pretolani, Consigliere Ior della Sede di Ravenna e Presidente dell’Associazione Volontari e Amici dell’Istituto Oncologico Romagnolo, si è detto molto soddisfatto riguardo l’esito dell’evento. “Ci tengo a ringraziare personalmente tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita della serata: dal Prefetto di Ravenna, che ci ha così cordialmente ospitati presso la sua ‘dimora’, ai rappresenti dei Lions Club di Ravenna, Cesenatico, Cervia e Milano Marittima; dal Rotary Club di Ravenna ai ragazzi dell’Istituto Alberghiero di Cervia, che hanno curato il buffet. Il ricavato del nostro Gala darà un contributo importante ai fini dell’attivazione del servizio d’accompagnamento: l’Istituto Oncologico Romagnolo non vede l’ora di fornire questo importante attività anche ai pazienti del territorio di Ravenna”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolti 15mila euro per il trasporto dei pazienti al gran galà dello Ior

RavennaToday è in caricamento