rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca

Ravenna ospiterà il diciannovesimo raduno nazionale dei Marinai d’Italia

Anche l’avvocato Angelo Bartolotti, consigliere nazionale per l’Emilia Romagna dell’Associazione, ha manifestato l’orgoglio “di portare il raduno a Ravenna"

Sarà Ravenna ad ospitare, dall’1 al 10 maggio 2015, il diciannovesimo raduno nazionale dei Marinai d’Italia. Mercoledì mattina in municipio si è svolta una prima riunione dei soggetti che comporranno il comitato organizzatore. Erano tra gli altri presenti, per la Prefettura il prefetto vicario Carmine Fruncillo, per il Comune il vicesindaco Giannantonio Mingozzi, per la Provincia l’assessore Luciano Ronchini, per la Direzione marittima il direttore e comandante del porto capitano di vascello Giuseppe Meli, per l’Autorità portuale il segretario generale Giuseppe Maletti, per la Camera di commercio il presidente Natalino Gigante, per l’associazione Marinai d’Italia Mauro Cattarozzi, presidente del gruppo ravennate, Angelo Bartolotti, consigliere nazionale per l’Emilia Romagna, e Paolo Pagnottella, presidente nazionale. Del comitato organizzatore fa inoltre parte l’Associazione industriali.

“Ravenna – ha detto il vicesindaco Mingozzi – è onorata di questa opportunità, che auspichiamo di sfruttare coniugando la nostra vocazione portuale commerciale con quella della marineria in generale. Per dieci giorni saranno coinvolte la città e Marina di Ravenna in particolare, con iniziative rivolte soprattutto all’educazione dei giovani e al rispetto delle tradizioni marinare”. “Dall’1 al 10 maggio 2015 – ha aggiunto l’ammiraglio di squadra Paolo Pagnottella, presidente nazionale dell’associazione Marinai d’Italia – Ravenna sarà la ‘capitale del mare’. Non è un caso se abbiamo scelto questa città. Lo abbiamo fatto perché per poter ospitare una manifestazione come questa non avevamo bisogno solo di un supporto logistico adeguato ma anche di una realtà che avesse nel proprio dna la predisposizione ad ospitare la ‘marittimità’. Vogliamo riportare all’attenzione del popolo italiano e soprattutto dei giovani l’importanza della ‘marittimità’ per il nostro Paese, con le sue potenzialità e professionalità troppe volte ingiustamente ignorate”.

L’ammiraglio Mauro Cattarozzi, presidente del gruppo ravennate dell’associazione nazionale Marinai d’Italia, che conta circa 600 soci, ci ha tenuto a sottolineare come “l’avere portato l’evento a Ravenna sia frutto del lavoro di tutti coloro che hanno contribuito a scrivere gli 82 anni di storia del gruppo ravennate, un lavoro che ci ha permesso di diventare uno dei principali gruppi italiani. Proprio per questo nostro radicamento la presidenza nazionale ha aderito alla nostra proposta di organizzare a Ravenna il diciannovesimo raduno”.

Anche l’avvocato Angelo Bartolotti, consigliere nazionale per l’Emilia Romagna dell’Associazione, ha manifestato l’orgoglio “di portare il raduno a Ravenna, perché rappresenta un’occasione irripetibile per dare un grande impulso alla cultura nautica della nostra zona, con tutte le conseguenti ricadute positive che ciò può comportare per lo sviluppo del territorio ravennate”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ravenna ospiterà il diciannovesimo raduno nazionale dei Marinai d’Italia

RavennaToday è in caricamento