rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Cronaca

Raffica di furti di materiale nei cantieri: malvivente rintracciato ed espulso

All’epoca gli investigatori fecero un blitz in un’abitazione e trovarono una notevole quantità di materiale edile che era stato rubato in almeno venti occasioni tra le province di Forlì e Ravenna per un valore complessivo di oltre 100mila euro

Era finito nel mirino degli investigatori della Squadra Mobile di Forlì per esser stato trovato in possesso di attrezzatura rubata da diversi cantieri presenti nelle zone periferiche di Forlì. Nei giorni scorsi, la Polizia di Stato ha eseguito il provvedimento di espulsione emesso dal Questore nei confronti di un cittadino albanese, già noto alle forze dell'ordine per reati contro la persona e contro il patrimonio.

I fatti in questione risalgono alla scorsa estate. In quel periodo a Forlì si era verificata una recrudescenza dei furti di materiale edile che aveva creato un danno economico alle imprese, nonché ai committenti, in quanto dovevano riacquistare quanto asportato o in altri casi sospendere le attività per mancanza dei materiali e delle attrezzature.

All’epoca gli investigatori fecero un blitz in un’abitazione e trovarono una notevole quantità di materiale edile che era stato rubato in almeno venti occasioni tra le province di Forlì e Ravenna per un valore complessivo di oltre 100mila euro. Erano state presentate, infatti, 15 denunce di furti di attrezzature di vario genere presso diversi uffici delle forze di polizia. Tutta la merce venne sequestrata ed in gran parte restituita. 

Durante il blitz uno degli occupanti, dopo aver consegnato il proprio passaporto, è riuscito a fuggire facendo perdere le proprie tracce. L’uomo è stato identificato dai poliziotti della Squadra Mobile ed è emerso che, oltre ad essere irregolare, aveva un significativo excursus criminale per reati contro il patrimonio e contro la persona commessi in varie parti del territorio nazionale. 

Nei giorni scorsi, dopo diversi tentativi di ricerche e durante un ennesimo controllo, l’uomo è stato rintracciato in un’abitazione e, in considerazione dei profili di pericolosità sociale, è stato avviato alle procedure espulsive. Durante l’udienza di convalida i poliziotti dell’Ufficio Immigrazione hanno ricostruito nel dettaglio i profili di pericolosità sociale emersi e ricostruendone nel dettaglio la biografia criminale. Peraltro è emerso che l’uomo non svolge alcun lavoro lecito. Il Giudice di Pace ha convalidato l’espulsione ed è stato accompagnato in frontiera aerea ed ha fatto rientro in Albania. Per i prossimi cinque anni non potrà rientrare in area Schengen.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raffica di furti di materiale nei cantieri: malvivente rintracciato ed espulso

RavennaToday è in caricamento