Rally di Romagna, Jacopo emoziona tutti: Riolo Terme lo elegge a sua mascotte

Jacopo, giunto a Riolo Terme dal Friuli, è il testimonial di un’importante campagna solidaristica contro la distrofia muscolare

Il grande protagonista del Rally di Romagna ha 15 anni, un sorriso contagioso e si chiama Jacopo. E’ stato lui domenica mattina, in occasione della prima “Ultramarathon della Romagna”, a dare il via ufficiale alla corsa, abbassando con personalità la bandiera a scacchi d’ordinanza. Jacopo, giunto a Riolo Terme dal Friuli, è il testimonial di un’importante campagna solidaristica contro la distrofia muscolare. Anche quest’anno, infatti, per il terzo anno consecutivo, la manifestazione di Riolo si è legata ad una finalità solidale, ospitando Parent Project, l’associazione di pazienti e genitori con distrofia muscolare di Duchenne e Becker, grave malattia genetica rara. L’associazione, presente con un punto informativo ed intervenuta a Riolo per presentare la propria mission, è stata rappresentata da alcuni biker che hanno preso parte al Rally di Romagna nell’ambito dell’iniziativa Dys-Trophy Tour, un circuito di eventi in mountain bike legato a Parent Project.
 
DISTROFIA MUSCOLARE - La Duchenne colpisce 1 su 5.000 neonati maschi. È la forma più grave delle distrofie muscolari, si manifesta nella prima infanzia e causa una progressiva degenerazione dei muscoli, conducendo, nel corso dell’adolescenza, ad una condizione di disabilità sempre più severa. Al momento, non esiste una cura. I progetti di ricerca e il trattamento da parte di un’équipe multidisciplinare hanno permesso di migliorare le condizioni generali e raddoppiare l’aspettativa di vita dei ragazzi.
 
PARENT PROJECT - E’ un’associazione di pazienti e genitori con figli affetti da distrofia muscolare di Duchenne e Becker.  Dal 1996 lavora per migliorare il trattamento, la qualità della vita e le prospettive a lungo termine di bambini e ragazzi attraverso la ricerca, l’educazione, la formazione e la sensibilizzazione. Gli obiettivi di fondo che hanno fatto crescere l’associazione fino ad oggi sono quelli di affiancare e sostenere le famiglie dei bambini che convivono con queste patologie attraverso una rete di Centri Ascolto, promuovere e finanziare la ricerca scientifica al riguardo e sviluppare un network collaborativo in grado di condividere e diffondere informazioni chiave.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • A pochi giorni di distanza il Coronavirus porta via marito e moglie

  • Schianto fatale all'incrocio con un camion: perde la vita un 78enne

  • Schianto all'incrocio con un camion: anziano in ospedale in condizioni gravissime

  • Inquinamento alle stelle, valori record in tutta la Romagna: la spiegazione di Arpae

  • Terrore in strada: spoglia una donna e la palpeggia, minore denunciato per violenza sessuale

Torna su
RavennaToday è in caricamento