Rally di Romagna, Jacopo emoziona tutti: Riolo Terme lo elegge a sua mascotte

Jacopo, giunto a Riolo Terme dal Friuli, è il testimonial di un’importante campagna solidaristica contro la distrofia muscolare

Il grande protagonista del Rally di Romagna ha 15 anni, un sorriso contagioso e si chiama Jacopo. E’ stato lui domenica mattina, in occasione della prima “Ultramarathon della Romagna”, a dare il via ufficiale alla corsa, abbassando con personalità la bandiera a scacchi d’ordinanza. Jacopo, giunto a Riolo Terme dal Friuli, è il testimonial di un’importante campagna solidaristica contro la distrofia muscolare. Anche quest’anno, infatti, per il terzo anno consecutivo, la manifestazione di Riolo si è legata ad una finalità solidale, ospitando Parent Project, l’associazione di pazienti e genitori con distrofia muscolare di Duchenne e Becker, grave malattia genetica rara. L’associazione, presente con un punto informativo ed intervenuta a Riolo per presentare la propria mission, è stata rappresentata da alcuni biker che hanno preso parte al Rally di Romagna nell’ambito dell’iniziativa Dys-Trophy Tour, un circuito di eventi in mountain bike legato a Parent Project.
 
DISTROFIA MUSCOLARE - La Duchenne colpisce 1 su 5.000 neonati maschi. È la forma più grave delle distrofie muscolari, si manifesta nella prima infanzia e causa una progressiva degenerazione dei muscoli, conducendo, nel corso dell’adolescenza, ad una condizione di disabilità sempre più severa. Al momento, non esiste una cura. I progetti di ricerca e il trattamento da parte di un’équipe multidisciplinare hanno permesso di migliorare le condizioni generali e raddoppiare l’aspettativa di vita dei ragazzi.
 
PARENT PROJECT - E’ un’associazione di pazienti e genitori con figli affetti da distrofia muscolare di Duchenne e Becker.  Dal 1996 lavora per migliorare il trattamento, la qualità della vita e le prospettive a lungo termine di bambini e ragazzi attraverso la ricerca, l’educazione, la formazione e la sensibilizzazione. Gli obiettivi di fondo che hanno fatto crescere l’associazione fino ad oggi sono quelli di affiancare e sostenere le famiglie dei bambini che convivono con queste patologie attraverso una rete di Centri Ascolto, promuovere e finanziare la ricerca scientifica al riguardo e sviluppare un network collaborativo in grado di condividere e diffondere informazioni chiave.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'impatto contro il guard-rail è violentissimo: ancora una tragedia in strada, muore una ragazza

  • Maltempo, Bassa Romagna ancora martoriata dalla grandine: chicchi grandi come noci

  • Fatale incidente nella notte: muore in bici investito da un'auto

  • Dalle parole si passa velocemente ai fatti: nel caos spunta una lama, accoltellato un ragazzo a Marina di Ravenna

  • Sassi dal cavalcavia, colpita un'auto con una famiglia a bordo: "Un grande spavento per i bimbi"

  • Si schianta contro il guard rail in autostrada: automobilista in gravi condizioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento