menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapito, ucciso e gettato nel fiume 32 anni fa: tre rinvii a giudizio per l'omicidio Minguzzi

Il Gup di Ravenna Sabrina Bosi ha infatti rinviato a giudizio davanti alla Corte di assise i tre imputati di omicidio, sequestro di persona e occultamento di cadavere del 21enne

Finisce a processo il 'cold case' sul delitto di Pier Paolo Minguzzi, giovane Carabiniere di leva sequestrato la notte del 21 aprile 1987 mentre rincasava, strangolato e gettato nel Po di Volano, incaprettato a una grata sradicata da un casolare abbandonato. Il Gup di Ravenna Sabrina Bosi ha infatti rinviato a giudizio davanti alla Corte di assise per il 2 febbraio 2021 i tre imputati di omicidio, sequestro di persona e occultamento di cadavere del 21enne studente universitario, rampollo di una famiglia di imprenditori di Alfonsine e militare alla caserma di Mesola, nel Ferrarese.

Si tratta, come riporta l'Ansa, di due ex Carabinieri all'epoca in servizio ad Alfonsine, Orazio Tasca, 55enne, e Angelo Del Dotto, 57, e l'idraulico del paese, il 64enne Alfredo Tarroni. Gli imputati sono difesi dagli avvocati Luca Orsini, Gianluca Silenzi e Massimo Martini. Le indagini sono state seguite dalla squadra mobile di Ravenna insieme allo Sco di Roma, coordinate dal procuratore Alessandro Mancini e dal pm Marilù Gattelli.

L'omicidio

La vittima, un giovane benestante imprenditore locale nel settore del commercio e della lavorazione della frutta, dopo avere accompagnato a casa la fidanzata quella notte scomparve senza lasciare traccia; la sua auto venne ritrovata l’indomani mattina in una via del centro, regolarmente parcheggiata. Nei giorni successivi alla scomparsa del ragazzo, la sua famiglia ricevette la richiesta di pagamento di una riscatto per 300 milioni di lire; il 1 maggio 1987 il corpo senza vita del giovane venne rinvenuto nel Po di Volano, in provincia di Ferrara, legato a una inferriata.

Le indagini, effettuate dalla Squadra Mobile di Ravenna con la collaborazione del Servizio Centrale Operativo di Roma, sono state riaperte sul finire del 2017 con provvedimento del Procuratore della Repubblica, su richiesta della famiglia della vittima e sono consistite principalmente in una minuziosa analisi di quanto già in atti e all’escussione di varie persone infornate sui fatti, anche in relazione a un analogo grave accadimento, avvenuto circa tre mesi dopo nella stessa cittadina, che vide coinvolti i tre indagati in un'estorsione ai danni di un altro imprenditore di Alfonsine e che ebbe come epilogo la morte di un giovane Carabiniere del luogo, fatto per il quale vennero condannati a gravi pene detentive. L’attività svolta ha evidenziato significativi elementi comuni tra i due gravi fatti delittuosi e la sussistenza di un importante quadro indiziario nei confronti dei tre indagati, motivi che hanno determinato l’Autorità giudiziaria inquirente a procedere nei loro confronti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento