"Ascolta il tuo cuore per salvare il tuo cervello": a Ravenna una giornata di prevenzione dell'ictus cerebrale

Domenica all'ospedale civile di Ravenna medici specializzati e volontari dell'associazione, distribuiranno materiale informativo sui principali fattori di rischio ed eseguiranno screening gratuiti alla popolazione

Fa tappa a Ravenna la campagna di informazione e prevenzione promossa da A.L.I.Ce Emilia Romagna, volta a sensibilizzare la popolazione sull’importanza della prevenzione dell’ictus cerebrale. Domenica all’ospedale civile di Ravenna medici specializzati e volontari dell’associazione, distribuiranno materiale informativo sui principali fattori di rischio  ed eseguiranno screening gratuiti alla popolazione.

L’evento si inserisce nella campagna di prevenzione “Ascolta il tuo cuore per salvare il tuo cervello”, con attività rivolte alla popolazione per sensibilizzare i cittadini relativamente ai fattori di rischio dell’ictus cerebrale, tra cui la Fibrillazione Atriale, una frequente anomalia del ritmo cardiaco che è causa del 15-20% di tutti gli ictus trombo-embolici, con una prevalenza sulla popolazione italiana fra l’1% e il 2%.

In Provincia di Ravenna si verificano circa 1.000 casi all’anno di ictus, di cui la metà nel Comune di Ravenna. Di coloro che sono ricoverati presso la Stroke Unit dell’Ospedale ravennate il 13% ha un’età inferiore a 60 anni. Da qui l’iniziativa di A.L.I.Ce Ravenna di promuovere un’attività di sensibilizzazione, anche per dimostrare come sia semplice prendere consapevolezza dei fattori di rischio responsabili dell’ictus.

Domenica all’ospedale civile di Ravenna (Ambulatori di Medicina; primo piano, scala verde e scala gialla) dalle 8 alle ore 12,30 medici specializzati e infermieri, oltre a volontari dell’Associazione, sono a disposizione dei cittadini per effettuare uno screening gratuito alla popolazione su alcuni parametri, come misurazione della Pressione Arteriosa, rilevazione di un’eventuale anomalia del ritmo cardiaco, ad esempio la Fibrillazione Atriale, un test rapido di misurazione di glicemia e colesterolo e, in presenza di eventuali fattori di rischio, un ecodoppler ai tronchi sovra aortici.

“Si tratta di un’alleanza fra la componente ‘clinica’ della neurologia e della cardiologia con quella associazionistica per contribuire a iniziative di sensibilizzazione nei confronti della popolazione - dichiara Gabriele Ciucci, responsabile della Stroke Unit e della Terapia Subintensiva di Neurologia dell’Ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna -. L’informazione è una delle prime attività per fare prevenzione, soprattutto parlando dell’ictus. E’ importante sensibilizzare l’opinione pubblica su questo problema, perciò, assumono grande importanza iniziative di divulgazione come questa”.

“I fattori di rischio principali dell’ictus sono l’ipertensione arteriosa, l’ipercolesterolemia e la Fibrillazione Atriale, - continua Ciucci - un’anomalia cardiaca, che può generare gravi complicanze come la formazione di trombi che si mobilizzano e vanno a localizzarsi nel cervello attraverso il torrente circolatorio”.

“Nel corso degli ultimi anni abbiamo verificato l’efficacia di questa iniziativa di sensibilizzazione e abbiamo notato l’interesse della popolazione al problema – dichiara la dottoressa Daniela Toschi, presidente di A.L.I.Ce Ravenna – E’ infatti molto opportuno e utile che le persone siano consapevoli del fatto che l’ictus non solo deve essere curato al meglio  ma deve essere soprattutto prevenuto attraverso una serie di iniziative preposte  a rilevare i fattori di rischio individuali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I filoni dell’impegno dell’Associazione riguardano l’informazione per favorire la prevenzione di questa grave malattia, il miglioramento dell’assistenza al malato e alla sua famiglia e la continuità degli interventi riabilitativi. L'Ausl di Ravenna è impegnata a migliorare la diagnosi precoce, il trattamento e l’assistenza dei pazienti colpiti da ictus con il progetto “Stroke Care Aziendale” che vede coinvolta la Neurologia dell’ospedale di Ravenna in diverse iniziative. Citiamo in particolare il protocollo per la trombolisi entro le quattro ore dall’esordio dei sintomi dell’ictus e la gestione del Registro degli eventi cerebrovascolari della Stroke Unit dell’Ospedale di Ravenna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento