Immigrazione, Tchameni Tchienga: "Ben venga il dibattito. Si rispetti la dignità"

"Sono convinto però che la questione dell'immigrazione in questo paese e in particolare a Ravenna non si risolva esclusivamente limitando gli ingressi", osserva il presidente dell'associazione "Il Terzo Mondo"

Un tetto agli ingressi degli immigrati in Italia? "Credo che questa sia soltanto una proposta e per ora rimane come tale". Charles Tchameni Tchienga, presidente e fondatore dell'associazione "Il Terzo Mondo", commenta così la lettera inviata dal sindaco Fabrizio Matteucci al segretario nazionale del Pd, Matteo Renzi, sulla questione immigrazione. Osserva Tchameni Tchienga: "Ognuno è libero di proporre e/o di dettare le regole a casa propria a maggior ragione quando si tratta di un pubblico amministratore che sulla base di alcuni dati forse incontestabili abbia voglia di assumersi le proprie responsabilità amministrative; è un concetto legittimo che rispetto e che non discuto. Ben venga il dibattito sull'immigrazione".

"Sono convinto però che la questione dell'immigrazione in questo paese e in particolare a Ravenna non si risolva esclusivamente limitando gli ingressi - osserva il presidente dell'associazione -. Per gli immigrati stessi è un problema minore. Che ci sia un tetto agli ingressi o no, occorre garantire a chi è già qui maggior considerazione, rispetto e soprattutto dignità. La parità dei Doveri e dei Diritti tra lo straniero e l'autoctono è fondamentale per la serenità e la crescita di una comunità e/o di una nazione".

"Parlando di regolari, nel 2000 gli immigrati a Ravenna erano 1000 di questi mille vorrei sapere quanti si sono veramente integrati in questa città? - si chiede Tchameni Tchienga -. Qual è sia lo strumento concreto che lo stato ha messo a disposizione per favorire il loro inserimento a 360° nella quotidianità di questo paese?. Figuriamoci ora nel 2014 dove la presenza degli immigrati regolari nella nostra città si aggira attorno ai 15000. A prescindere da questa proposta coraggiosa e legittima del sindaco Matteucci; in qualsiasi città e/o in qualsiasi nazione, lo straniero regolare chiunque sia chiede solo il rispetto della sua persona, il rispetto della sua dignità; ben venga una proposta o un dibattito che vada verso quel senso e soprattutto che favorisca la vita in una convivenza leale".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Gusti e sapori unici: 10 pizzerie da "provare" a Ravenna

  • Uno sguardo dentro al nuovo Mercato Coperto: ecco come è diventata la grande 'piazza della città'

  • Finge di essere rimasta senza benzina e con in auto il bimbo: tanti passanti truffati

  • Tamponamento a catena sull'Adriatica: interviene l'elicottero, lunghe code di veicoli

  • "L'Ue vieta l'unico prodotto efficace contro la cimice asiatica. Sarà un disastro"

Torna su
RavennaToday è in caricamento