Cronaca

Due ravennati alla Mille Miglia: "Non dimenticheremo l'adrenalina e il calore del pubblico"

Il racconto dei piloti Marco Rontini ed Enea Marescotti che hanno partecipato alla guida di una Porsche all'edizione 2021 della gara per auto storiche

Sebbene il percorso quest’anno non abbia purtroppo toccato la nostra città, c’era anche una coppia ravennate all’edizione 2021 della Mille Miglia, la popolarissima corsa automobilistica su macchine d’epoca che – partendo e arrivando a Brescia – ha interessato quest’anno buona parte dell’Italia centrale, con tappe serali a Viareggio, Roma e Bologna.

Marco Rontini ed Enea Marescotti (l’uno presidente, l’altro responsabile marketing del Gruppo Arcobaleno) hanno avuto la possibilità di partecipare alla manifestazione - per entrambi era la prima volta - alla guida di una Porsche messa loro a disposizione dalle Rubinetterie Bresciane Bonomi, storico sponsor della manifestazione e tradizionale cliente di Arcobaleno.

E lunedì scorso i due “piloti” (in realtà Rontini è stato sempre alla guida, mentre Marescotti ha fatto il navigatore) hanno raccontato la loro avventura a un gruppo di amici e appassionati, nel corso di una serata andata in scena al bagno Marisa di Marina Romea: alla presenza, fra gli altri, di Marta Bonomi, figlia del “patron” dell’azienda bresciana, Aldo, e a sua volta grande appassionata di Mille Miglia.

“E’ stata un’esperienza bellissima, adrenalinica e davvero inattesa – hanno raccontato Rontini e Marescotti, ancora decisamente entusiasti dall’avventura a cui hanno preso parte -. La possibilità di guidare un’auto d’epoca, la necessità di tenere sempre alta l’attenzione su un percorso tutt’altro che facile, la bellezza dei luoghi che abbiamo attraversato, e soprattutto il calore del pubblico in tutte le località che abbiamo toccato, sono cose che non dimenticheremo”.

Tanti i nomi noti che i due hanno avuto modo di incontrare fra i “colleghi” piloti: dall’ex campione di Formula Uno, Arturo Merzario, a personaggi popolari della tv come Nicola Porro e Valerio Staffelli, fino a John Elkann, la cui auto era solo tre numeri prima rispetto a quella dei due romagnoli. “Un signore molto gentile, che ci ha salutato con simpatia nella prima occasione in cui ci siamo incontrati: salvo glissare decisamente alle nostre domande sulla Juventus”, hanno detto scherzando Rontini e Marescotti.

I quali, superato il battesimo della gara, ci hanno preso gusto: se ci fosse anche in futuro l’occasione di partecipare alla Mille Miglia, hanno confermato che ne sarebbero felici. Mentre Marta Bonomi, a cui è stato chiesto se i due si sono comportati bene in gara, ha risposto senza indugi: “Certo, hanno riportato l’auto sana e salva…”. In realtà, anche a livello di risultati la loro partecipazione è stata lusinghiera: su un parco di oltre trecento vetture d’epoca, si sono piazzati alla posizione 149, nella prima metà della classifica. Una prestazione mica da poco per due “esordienti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due ravennati alla Mille Miglia: "Non dimenticheremo l'adrenalina e il calore del pubblico"

RavennaToday è in caricamento