menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tenta di sottrarsi al controllo della Polizia e prende a testate un muro: arrestato

Erano circa le 14.15 quando i poliziotti hanno proceduto al controllo di alcune persone che stazionavano in via Oriani

Gli agenti delle Volanti del Commissariato di Polizia di Faenza hanno arrestato mercoledì pomeriggio un 31enne di nazionalità marocchina con l'accusa di "resistenza a pubblico ufficiale". Erano circa le 14.15 quando i poliziotti hanno proceduto al controllo di alcune persone che stazionavano in via Oriani. Uno di loro, all’avvicinarsi del personale in divisa, si è allontanato entrando in un locale poco distante. Tale comportamento ha insospettito gli agenti che sono immediatamente entrati nel bar.

L’uomo è stato rintracciato dai poliziotti mentre tentava di nascondersi nel magazzino del locale dietro a una catasta di scatole. Privo dei documenti di identificazione lo straniero ha consegnato spontaneamente un piccolo frammento di hashish, che è stato sequestrato. Invitato a seguire i poliziotti al Commissariato per l'identificazione, il 31enne ha opposto resistenza. Poi si è scagliato contro un muro colpendolo con una violenta testata. Nel tentativo di bloccarlo per impedirgli di procurarsi delle lesioni, è nata una colluttazione con gli agenti al termine della quale nessuno ha riportato conseguenze fisiche.

Le generalità dell'extracomunitario sono state confermate dalla Polizia Scientifica attraverso l’analisi delle impronte digitali. L'individuo è risultato gravato da diversi precedenti per rissa, per reati inerenti gli stupefacenti e per false dichiarazioni a Pubblico Ufficiale. Inoltre è risultato destinatario di un provvedimento di divieto di ritorno nel comune di Faenza per tre anni, al quale ha già contravvenuto in altre circostanze. Oltre all'arresto per resistenza a pubblico ufficiale e stato denunciato per l’inosservanza del divieto di ritorno nel comune manfredo. Il giudice ha convalidato l'arresto, concedendo i termini a difesa e disponendo la misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Ravenna, in attesa del processo che si svolgerà il 18 aprile prossimo.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Occhi al cielo per ammirare la Superluna "rosa" di aprile

Cronaca

A Lido di Dante spuntano i nuovi "murales" dedicati al Sommo Poeta

Sicurezza

Una casa pulita in maniera green con il vapore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento