rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca Porto fuori-Punta Marina / Via Baiona

Riaprono i ponti su via Baiona: esenzione della Tari per imprese e negozi di Porto Corsini

È in programma per il pomeriggio di venerdì 15 aprile la riapertura dei ponti A119 e A 118 in via Baiona, sul canale Magni, al termine dell’intervento di ripristino tecnologico e risanamento strutturale che ha comportato un investimento da 1,8 milioni

È in programma per il pomeriggio di venerdì 15 aprile la riapertura dei ponti A119 e A 118 in via Baiona, sul canale Magni, al termine dell’intervento di ripristino tecnologico e risanamento strutturale che ha comportato un investimento da 1,8 milioni. "Nella consapevolezza dei disagi arrecati dalla realizzazione dell’intervento - che comunque era assolutamente necessario – in particolare alle attività economiche - spiegano dall'amministrazione comunale - è nostra intenzione concedere l’esenzione della Tari, tassa rifiuti, per il 2022 a favore degli esercizi commerciali, artigianali, pubblici esercizi, turistici e ricettivi di Porto Corsini che svolgono attività permanenti e non stagionali. Nelle prossime settimane sarà definita la relativa delibera, che dovrà essere approvata dalla giunta e dal consiglio comunale".

Tornando all’intervento realizzato, i lavori hanno consentito di ristabilire la funzionalità degli impalcati, togliere le limitazioni di portata a 32 tonnellate e rendere i ponti idonei a sopportare carichi di Prima categoria, ricreando le migliori condizioni di sicurezza possibili per la viabilità. Le lavorazioni che hanno interessano i ponti A119 (il primo che si incontra andando verso Porto Corsini, a due campate, lungo 54 metri) e A118 (a cinque campate, di cui quella centrale in acciaio, lungo 130 metri) possono essere sintetizzate in due fasi: la prima ha riguardato esclusivamente lavori di ripristino strutturale sul ponte A118. Nella seconda sono stati eseguiti in contemporanea i lavori di ripristino strutturale del ponte A119 e completati i lavori di ripristino sul ponte A118. Per quanto riguarda il ponte A119, vista la ridotta luce libera tra l’intradosso delle travi e il pelo dell’acqua, si è proceduto all’esecuzione delle lavorazioni necessarie con l’ausilio di chiatte galleggianti semisommerse.

La critica dell'opposizione

"Grazie alla pressione dell’opposizione per Pasqua aprono i ponti di via Baiona, fra tanti “se” e molti “ma”. Prendiamo atto prima di tutto del risultato che è tutto dell’opposizione, che ha costretto l’amministrazione a serrare i tempi di un’attività svolta a singhiozzo ed evidentemente senza i dovuti controlli, ma non possiamo tacere le vicende che hanno accompagnato i nostri lidi, i cittadini e gli operatori economici verso questo risultato che è solo (molto) parzialmente soddisfacente - commentano in una nota unitaria dall'opposizione - Già, perchè la maggioranza dei cittadini non sa che la commissione consiliare si è potuta svolgere solo e unicamente grazie alla richiesta dell’opposizione unita, altrimenti la discussione della petizione sarebbe stata fissata per il 2 di maggio, ovvero a lavori terminati, con una mancanza di rispetto nei confronti del primo firmatario e degli oltre 700 cittadini che hanno sottoscritto la petizione che avrebbe avuto dell’incredibile e sarebbe certamente passata sotto traccia. Ma questa è solo l’ultima delle “peripezie” che hanno accompagnato questa vicenda, a cominciare dalle giustificazioni addotte dall’amministrazione per i ritardi accumulati, che sarebbero stati giustificati addirittura da “maree anomale”, giustificazione smentita in ogni sede (data l’assoluta prevedibilità oltre che la delle maree oltre che dall’andamento delle stesse, assolutamente sovrapponibile a quello degli anni trascorsi). Per non parlare dei disagi che si sono aggiunti a causa della mancanza di un secondo traghetto funzionante, che ha causato la sospensione anche di quel servizio nelle (numerose) occasioni in cui il primo si era trovato in panne, frutto di una mancanza di programmazione che ha dell’incredibile. Ora dunque la strada riapre, ma con un coupe de theatre, una delle più classiche operazioni mediatiche a cui questa maggioranza ci ha abituati: la stampa, ancora una volta, lo apprende prima del consiglio comunale. Ora la Pasqua è salva, ma non si cancellano le falsità che sono state raccontate ai cittadini, i disagi che sono tanti sopportati, non si cancella la mancata programmazione della manutenzione del traghetto, non si cancellano le giustificazioni assurde addotte, non si cancella la mancanza di controlli che è emersa in maniera evidente. E come ciliegina sulla torta i ristori che arriveranno “sotto orma di esenzione della Tari per il 2022 a favore degli esercizi commerciali, artigianali pubblici esercizi turistici e ricettivi di Porto Corsini che svolgono attività permanenti e non stagionali” rappresenteranno un ulteriore smacco a qui “normali” cittadini che hanno sostenuto spese aggiuntive per i propri spostamenti e alle attività stagionali, come se per loro non esistessero gli interventi di manutenzione da svolgere durante l’inverno. E rappresenteranno un ulteriore smacco verso i residenti di Marina Romea e Casal Borsetti, già esclusi dall’attuale gratuità dei titoli di viaggio del traghetto in quanto a detta dell’assessore “rimasti collegati grazie alla via delle Valli”, l’ultimo atto di un’operazione tutto sommato (grazie all’opposizione) finita bene, ma che peggio di così non si poteva gestire".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riaprono i ponti su via Baiona: esenzione della Tari per imprese e negozi di Porto Corsini

RavennaToday è in caricamento