Rifiuti abbandonati, le fototrappole funzionano: multati altre sette 'furbetti'

Una corretta raccolta dei rifiuti aumenta il decoro del territorio e la vivibilità delle città: gli strumenti in campo per il contrasto del fenomeno sono sempre più numerosi

Continuano a dare risultati le tre nuove fototrappole a disposizione del Comune di Massa Lombarda per il controllo dell'abbandono illegale di rifiuti sul territorio.

Grazie a questi nuovi apparecchi mobili, che possono essere di volta in volta riposizionati, e alla stretta collaborazione tra Polizia locale e funzionari di Hera, sono stati identificati e sanzionati sette cittadini (tra cui sei residenti massesi) che hanno violato la legge abbandonando rifiuti in aree limitrofe ai cassonetti di raccolta. Una corretta raccolta dei rifiuti aumenta il decoro del territorio e la vivibilità delle città: gli strumenti in campo per il contrasto del fenomeno sono sempre più numerosi, dall'informazione, alla formazione attraverso iniziative rivolte ai più giovani, fino all'applicazione delle sanzioni previste dalla legge

"A Massa Lombarda rifiuti abbandonati e degrado sono un un problema che è sotto gli occhi di tutti  in alcune zone, una situazione che va eliminata se si vuole rilanciare il paese". La candidata sindaco della lista di centrodestra “Uniti per Massa Lombarda” Maria Elena Morra interviene su un problema sentito dai cittadini e promette di “ripulire” Massa se sarà eletta sindaco alle elezioni amministrative del 26 maggio. “Ho ricevuto diverse segnalazioni dai cittadini  - afferma Morra – In  Via Saffi, via Rustici e via Ilaria Alpi sono evidenti situazioni abbastanza tristi con negozi chiusi e con i vetri rotti, pattume abbandonato, sporcizia ed edifici vuoti in stato di degrado. Massa Lombarda a quanto pare è sprovvista di un efficace sistema di controllo del decoro urbano”.

Per quanto riguarda via Alpi, Morra sottolinea lo stato di un immobile di tre piani lasciato allo stato grezzo da anni, dove si è formato uno strato di pantano e ci sono acque stagnanti. “Credo sia possibile sistemare queste situazioni ed è quello che intendo fare se sarò eletta  - conclude Morra – grazie anche all'aiuto di volontari e guardie ecologiche, il decoro urbano è importante per rendere una città vivibile. Inoltre, intendo mettere in atto iniziative per ravvivare il centro, come consentire alle attività economiche la possibilità di affittare a canoni calmierati e attuando agevolazioni sulle tasse per rimettere in moto il centro. Infine, credo che sarebbe opportuno riaprire il centro storico pedonale, a senso unico, in via sperimentale perché Massa è un paese piccolo, non ha senso chiudere il cuore pulsante del paese alle auto: in questo modo si danneggiano solo le attività economiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

  • Bancomat, Pos e carte di credito in tilt: caos per prelievi e pagamenti in tutta Italia

Torna su
RavennaToday è in caricamento