rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Cronaca

Rigassificatore, ambientalisti: "Crisi climatica messa all'ultimo posto"

La rete ambientalista Per il Clima commenta il recente voto del Consiglio Comunale a favore del progetto: "La politica non riesce a vedere al di là di interessi immediati"

Il via libera del Consiglio Comunale di Ravenna al progetto del rigassificatore, viene accolto negativamente dal coordinamento ravennate della rete ambientalista Per il Clima- "L’arrivo della nave rigassificatrice BW Singapore a Ravenna sembra essere ormai dato per scontato dalle istituzioni ravennati - affermano gli ambientalisti, ritenendo che il Consiglio abbia "ancora una volta ratificato la volontà di andare avanti senza alcun ripensamento, senza ascoltare minimamente le obiezioni di parte significativa della popolazione, dei comitati di cittadine e cittadini, e di quanti hanno inviato argomentate osservazioni. In spregio alle istanze di salvaguardia dai rischi, alle reali esigenze di tutela del territorio, e incuranti della denuncia di un modello energetico ormai insopportabile e causa prima della catastrofe climatica, si è deciso di approvare un progetto che va nel senso esattamente opposto a quello che sarebbe necessario, anche accettando una dichiarazione di  stato di emergenza che rende possibile ogni deroga all’osservanza delle norme ambientali, che chiunque dovrebbe rispettare. Non ne siamo molto sorpresi. Esprimiamo però una profonda amarezza, per una scelta che pone la criticità climatica sostanzialmente all’ultimo posto".

"Per noi si tratta di un  tema che non riguarda 'solo' la sicurezza, sulla quale per altro vengono date risposte molto generiche. E nemmeno si tratta 'solo' dei danni al territorio, in mare e in terraferma, conseguenti agli inevitabili dragaggi continui dei fondali, allo sversamento di tonnellate di cloro in acqua e al suo radicale raffreddamento, che altererà l’ecosistema marino, e alla costruzione di imponenti strutture a terra - continua Per il Clima - Si tratta anche, e soprattutto, di decidere se vogliamo legarci per l’eternità alla schiavitù del sistema fossile, costruendo in Italia un’infinità di strutture dedicate alla filiera del gas liquefatto, in aggiunta a tutte quelle (già esistenti o in previsione) dedicate all’estrazione e allo stoccaggio: una scelta che, come ormai è ampiamente noto, comporta costi economici ed ambientali elevatissimi in tutte le sue fasi, e paralizza il nostro sistema energetico". 

"La comunità della scienza sta evidenziando ogni giorno l’urgenza di porre rimedio invertendo la tendenza in atto. La politica, anche quella rappresentata nel Consiglio Comunale di Ravenna, dal canto suo non riesce a vedere al di là di interessi immediati, e si rifiuta di compiere, neppur parzialmente, le scelte che dovrebbero ormai essere ovvie. Ancora una volta tocca a noi - conclude la rete Per il Clima - a tutte e tutti coloro che vivono e lavorano ogni giorno nella quotidianità della catastrofe climatica e ambientale, prendere la parola, come da tempo stiamo cercando di fare, per opporci allo sfruttamento senza limiti delle risorse, con la mobilitazione e con un’infinità di proposte concrete per costruire un modello ben diverso, rispettoso della Terra, della giustizia sociale, climatica, alimentare, generazionale e interculturale". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rigassificatore, ambientalisti: "Crisi climatica messa all'ultimo posto"

RavennaToday è in caricamento