menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rinnovato l'accordo per servizi funebri a prezzi convenzionati per i residenti

Prosegue a Sant’Agata sul Santerno la convenzione con le imprese funebri per offrire la possibilità ai residenti di usufruire di funerali a prezzi convenzionati

Prosegue a Sant’Agata sul Santerno la convenzione con le imprese funebri per offrire la possibilità ai residenti di usufruire di funerali a prezzi convenzionati. Il precedente accordo, in scadenza il 31 dicembre 2019, è stato infatti rinnovato dall’Amministrazione comunale fino al 31 dicembre 2022.

L’adesione da parte delle imprese funebri è libera, facoltativa, aperta a tutte le attività, possibile in qualsiasi momento e senza vincoli territoriali. Con questa convenzione i santagatesi potranno rivolgersi direttamente alle imprese aderenti e ottenere un servizio funebre di qualità, alle condizioni prestabilite e al prezzo convenzionato. I prezzi convenzionati sono i seguenti: 1.700 euro per l’inumazione, 1.900 euro per la cremazione (sono esclusi gli oneri dovuti al forno crematorio, pari a 581,55 euro) e 2.400 euro per la tumulazione. Non si applica l’Iva in quanto esente.

I prezzi sono relativi a un funerale completo e sono comprensivi di fornitura del cofano, servizio di vestizione, allestimento addobbo funebre, fiori e manifesti, disbrigo delle pratiche amministrative e trasporto al luogo di culto e di sepoltura. Restano esclusi marche da bollo, diritti comunali e cimiteriali ed eventuali spese per cremazione. La convenzione ha ottenuto il parere positivo dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato nel pieno rispetto delle linee guida a tutela della concorrenza. Sul sito del Comune verrà pubblicato l’elenco aggiornato delle imprese che aderiranno. Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi all’Urp (telefono 0545919907, mail urp@comune.santagatasulsanterno.ra.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento