rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024
Cronaca

Riparato il guasto alla rete idrica: nei lidi nord torna l'acqua

Al ripristino del servizio l’acqua potrà presentare un’alterazione del colore, di cui resta comunque confermata la potabilità dal punto di vista chimico e batteriologico, assicurano da Hera

E' stato riparato il guasto alla rete idrica dei lidi nord di Ravenna. I tecnici Hera del pronto intervento, al lavoro da martedì pomeriggio per riparare la rottura alla rete dell'acquedotto che rifornisce Casalborsetti, Porto Corsini e Marina Romea, poco dopo le 14 sono riusciti a ripristinare la completa operatività del servizio acquedottistico.

Il personale della multiutility ha operato per mitigare la problematica attraverso modifiche alla configurazione impiantistica e contestualmente ha lavorato per riparare la condotta principale nel più breve tempo possibile. La riparazione purtroppo è risultata particolarmente complessa e ha prolungato i tempi di riparazione, sia per la particolare posizione del punto danneggiato (si trattava di un problema ad un giunto sulla condotta situata sul fianco dell’impalcato del ponte di via Baiona e in parte a contatto con l’acqua), sia per motivi legati allo svolgimento in sicurezza dell’intervento (la condotta con l'alta marea andava in parte sott'acqua).

Al ripristino del servizio l’acqua potrà presentare un’alterazione del colore, di cui resta comunque confermata la potabilità dal punto di vista chimico e batteriologico, assicurano da Hera.

La critica di Farolfi (FdI): "I cittadini pagano bollette salate e non ricevono nulla in cambio"

“Tre lidi ravennati rimasti senz’acqua, le stesse località (con l’aggiunta di Marina di Ravenna) penalizzate da un servizio traghetti deficitario ormai da anni. Questi due episodi sono legati dalle politiche delle amministrazioni comunali che in passato hanno trasferito la gestione di servizi primari per i cittadini a società per azioni (Gruppo Hera) o a società pubbliche come Start Romagna dove, evidentemente, i Comuni non riescono a governare la situazione tanto che i problemi per i cittadini sono sempre gli stessi”: è quanto afferma Marta Farolfi, candidata di Fratelli d’Italia al secondo posto del plurinominale Senato.

Il caso di Hera “è lampante e credo che in generale, tutte le società che gestiscono servizi primari come gas, energia elettrica, raccolta dei rifiuti, acquedotti debbano essere ricondotte alla loro mission principale – occuparsi, e bene, dei cittadini – e non esclusivamente di fare finanza ed extraprofitti - continua la candidata - Hera ha 198 soci pubblici e distribuisce loro utili in base al possesso di azioni. Non esiste che Hera faccia solo finanza e non si occupi dei servizi. La raccolta dei rifiuti è criticatissima, la differenziata fatica ovunque a partire, le tubazioni dell’acqua sono un colabrodo. Dobbiamo inserire delle clausole che riconducano queste società pubblico-private a regimi di controllo da parte delle amministrazioni comunali, altrimenti i cittadini continueranno a subire e a pagare bollette salate per non ricevere nulla in cambio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riparato il guasto alla rete idrica: nei lidi nord torna l'acqua

RavennaToday è in caricamento