Cronaca

Nuovo look per l'area stazione a Faenza: lavori al via nel 2020 - FOTO

Il punto saliente del progetto è lo spostamento della stazione degli autobus, che sarà finalmente attigua a quella ferroviaria negli spazi lasciati liberi dallo scalo merci (dove ci saranno un centinaio di posti auto)

Grossa novità in vista per il Comune di Faenza: la Regione Emilia Romagna, infatti, ha approvato il progetto di riqualificazione dell'area della stazione ferroviaria. Il progetto, finanziato con quasi 874mila euro, è uno dei primi interventi conseguenti alla legge urbanistica regionale, approvata a fine 2017. Grazie ai fondi - 30 milioni di euro dal Fondo di sviluppo e coesione e 6,5 milioni dalla Cassa depositi e prestiti per l’housing sociale - la Regione finanzia piani promossi da Comuni singoli e associati o Unioni di Comuni per migliorare la qualità urbana e sociale dei centri abitati. Su 112 progetti presentati, la Regione ne ha finanziati 30 - di cui quattro nella provincia di Ravenna - oltre a quello presentato dal Comune di Faenza. Il bando prevedeva il finanziamento da parte dell'amministrazione comunale del 50% delle spese, e il Comune di Faenza aveva infatti già inserito il progetto nel proprio piano investimenti, sperando che la Regione lo approvasse.

Come cambierà la zona stazione?

Oltre a risolvere storici problemi strutturali, il progetto - dal costo totale di 1,6 milioni di euro - ha l'ambizione di riscrivere un nuovo modo d'uso della città, nuove percorrenze e nuove opportunità. Il punto saliente del progetto è lo spostamento della stazione degli autobus - attualmente in viale delle Ceramiche - che sarà finalmente attigua a quella ferroviaria negli spazi lasciati liberi dallo scalo merci (dove è previto anche un parcheggio per i bus e ci saranno un centinaio di posti auto), con una perfetta integrazione dei mezzi di trasporto pubblico e un ridisegno complessivo della viabilità. Si tratta di un primo stralcio di lavori del progetto più complessivo dell'area, che prevederà in futuro un ingresso alla stazione dalla zona a nord della città e un cavalcaferrovia ciclabile (già visibile nei rendering). Sarà quindi realizzata una nuova arteria dalla rotonda del Cubo verso l'ex scalo merci. Nel piazzale della stazione sorgerà una velostazione ed un'area coperta per le bici. Il progetto esecutivo di questo primo stralcio finanziato al 50% dalla Regione dovrà essere presentato entro giugno 2019 e i lavori potranno essere eseguiti a partire dal 1 gennaio 2020. L'obiettivo dell'amministrazione è di essere pronti a cantierare i lavori esattamente a inizio gennaio 2020.

“Iniziamo un percorso virtuoso insieme ai cittadini e alle amministrazioni locali - afferma il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini -. Si apre così una nuova fase, caratterizzata dal consumo zero di suolo e dal recupero di zone delle nostre città e dei nostri centri storici, costruendo una rete con il tessuto sociale e orientando gli interventi alla cura degli spazi collettivi. Anche con un importante effetto sull’economia dei territori, con nuovi cantieri, ma anche iniziative legate a porzioni di città in trasformazione, e posti di lavoro. Come Regione proseguiamo in una politica di investimenti pubblici, in questo caso a sostegno dei territori e delle comunità locali, che alla crescita associ la tutela ambientale e il recupero di spazi urbani, azioni in grado anche di eliminare situazioni di degrado nelle nostre città”.

Rigenerazione urbana e riuso del patrimonio: in arrivo fondi regionali per il ravennate

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo look per l'area stazione a Faenza: lavori al via nel 2020 - FOTO

RavennaToday è in caricamento