menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ritorno a scuola a dicembre? De Pascale: "Sì, ma con gradualità"

"Stiamo passando troppo frequentemente da un eccesso all'altro. Prima tutti in didattica a distanza, poi tutti in presenza, poi di nuovo tutti in dad e ora di nuovo tutti in presenza?"

“Le Province sono al lavoro da luglio per assicurare l’apertura delle scuole superiori in presenza a tutti i 2 milioni e 500mila studenti medi, con interventi di piccola edilizia, acquistando banchi e affittando nuovi spazi dove necessario. Siamo ovviamente favorevoli al ritorno in classe dei ragazzi e delle ragazze, ma per le scuole superiori deve avvenire con gradualità, in modo da evitare di dovere intervenire con frenate brusche". A dirlo è il sindaco di Ravenna e presidente dell'Unione delle province italiane Michele de Pascale, in merito alla proposta di riapertura delle scuole in presenza a partire dal 9 dicembre prossimo prospettata ai sindaci dalla Ministra dell’istruzione Lucia Azzolina.

"Stiamo passando troppo frequentemente da un eccesso all'altro - spiega de Pascale - Prima tutti in didattica a distanza, poi tutti in presenza, poi di nuovo tutti in dad e ora di nuovo tutti in presenza? Occorre muoversi per fasi, raggiungendo di volta in volta la più alta percentuale possibile in presenza, ma continuando anche ad utilizzare, a turno, gli strumenti di didattica digitale integrata che consentono di evitare le situazioni a più alto rischio di diffusione del contagio. Partiamo potenziando quanto già si sta facendo sulle attività laboratoriali o per le ragazze e i ragazzi con bisogni educativi speciali, che non possono essere gli unici in presenza, con chiari rischi di discriminazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Domotica

Le cappe da cucina ideali per una casa smart

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento