Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Romagna Acque inaugura l'impianto fotovoltaico della Standiana

Il nuovo impianto sarà volto principalmente all’autoconsumo e i suoi significativi benefici si potranno rilevare dal 2021 con la sua messa a regime

Venerdì mattina, alla presenza del sindaco Michele De Pascale, è stato inaugurato il nuovo impianto fotovoltaico interno al potabilizzatore della Standiana, nei pressi di Fosso Ghiaia. Per i piani energetici della società, si tratta di un intervento importantissimo: il nuovo impianto sarà volto principalmente all’autoconsumo e i suoi significativi benefici si potranno rilevare dal 2021 con la sua messa a regime. L’intervento ha superato il milione di euro.

Successivamente, nel corso della mattinata, si è svolta al museo Classis di Ravenna la presentazione del Bilancio Integrato 2020 di Romagna Acque, a cui sono intervenuti De Pascale, Tonino Bernabè, presidente Romagna Acque; Giannicola Scarcella, direttore generale Romagna Acque; Donato Berardi, direttore REF Ricerche; Giordano Colarullo, direttore generale Utilitalia; Vito Belladonna, direttore di Atersir; e Irene Priolo, assessore all’Ambiente della Regione Emilia-Romagna.

Nel corso della mattinata, il direttore generale Scarcella ha illustrato i principali intervento infrastrutturali della società che riguardano il territorio ravennate: il raddoppio della condotta Russi-derivazione Cotignola, (9,4 milioni) che consentirà di incrementare le portate erogabili dall’impianto della Standiana e di aumentare la sicurezza di approvvigionamento dell’entroterra lughese e faentino. Ad aprile 2021 si sono avviati i lavori; nel contempo sono state svolte tutte le attività espropriative necessarie per l'acquisizione delle servitù di acquedotto esproprio; la realizzazione del secondo tratto del Canale Carrarino-collegamento alla Canaletta Anic (3,4 milioni) che aumenterà l’affidabilità di approvvigionamento del potabilizzatore Bassette. I lavori sono partiti lo scorso novembre e sono regolarmente in corso; infine l’intervento principale dal punto di vista strategico, la “Terza Direttrice”, ovvero la condotta Standiana-Forlimpopoli-Casone-Torre Pedrera (un progetto la cui prima fase prevede un intervento di 79,9 milioni): nello scorso novembre è stata aggiudicata la gara per l’affidamento della progettazione di fattibilità tecnica ed economica, e la consegna è prevista a breve.

“Mi fa molto piacere che Romagna Acque abbia scelto Ravenna per presentare l’annuale bilancio integrato, strumento principe di colloquio con gli stakeholder – sottolinea il sindaco di Ravenna, Michele De Pascale -. La serie di interventi che riguardano la nostra città e la nostra provincia è davvero importante, e ci permette di pensare a un futuro sempre migliore per quanto riguarda la disponibilità e la qualità della risorsa idropotabile: un bene primario che oggi diamo quasi per scontato, ma che fino alla seconda metà del secolo scorso ha creato non pochi problemi al nostro territorio. Se oggi ciò non accade più, è proprio grazie a Romagna Acque, che dobbiamo quindi ringraziare sempre”.

gruppo fotov standiana-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Romagna Acque inaugura l'impianto fotovoltaico della Standiana

RavennaToday è in caricamento